Warning: preg_match(): Compilation failed: unmatched parentheses at offset 38 in /web/htdocs/www.vicenzae.org/home/plugins/system/fix404errorlinks/fix404errorlinks.php on line 1207
Al via le semifinali: l'Asiago ospita il Milano in gara 1 - Consorzio Turistico Vicenzaè

Prendono il via domani sera le semifinali scudetto del campionato italiano di hockey su ghiaccio “Serie A Itas Cup”. Da una parte si sfideranno l’Asiago Hockey 1935 e il Milano Rossoblu, dall’altra il Val Pusteria e il Rittner Buam. L’Asiago ha avuto la meglio sull’Appiano solo alla settima partita: quella con gli altoatesini è stata la serie più equilibrata e combattuta dei quarti di finale e l’unica in cui si è resa necessaria la “bella”. Il Milano ha estromesso in cinque partite il Valpellice, guadagnando, assieme alla qualificazione, quattro giorni di riposo in più rispetto agli stellati. Nella serie contro l’Appiano, l’Asiago ha sicuramente speso molte energie (fisiche e mentali), il Milano arriva alla semifinale più fresco; il lato opposto della medaglia è che l’Asiago, almeno inizialmente, potrà contare su un maggior ritmo partita. Gara 1 è in programma domani sera (martedì 10 marzo con inizio alle ore 20.30) all’Odegar di Asiago; anche in questa serie, infatti, il fattore campo –alla fine determinante con l’Appiano- sarà dalla parte dei giallorossi che si sono guadagnati tale diritto grazie al primato in stagione regolare. Asiago – Milano è il "classico". Una sfida appassionante iniziata nella stagione 2000/01, quella caratterizzata dai rigori di Alex Galchenyuk: prima quello che consegnò la Coppa Italia (la seconda) agli stellati; poi quello nell'indimenticabile gara 4 della serie finale che spezzò il sortilegio tricolore portando Asiago sul tetto d'Italia per la prima volta nella sua storia. Negli anni a seguire furono poi i rossoblù a imporsi nella maggior parte degli incroci playoff, dando vita all'era dei Vipers (5 scudetti in fila dal 2002 al 2006, due dei quali strappati proprio all'Asiago in finale). Ora la storia è diversa. Non più Milano Vipers, bensì Milano Rossoblu, ma le emozioni sono sempre le stesse. Milano, partito decisamente a fari spenti, ha saputo, grazie all'ottimo lavoro del riconfermatissimo Pat Curcio in panchina, crescere e creare un gruppo coeso, tatticamente accorto e pronto a colpire di rimessa con la velocità e la tecnica della letale coppia gol Vallorani – Fontanive: in stagione 37 gol (9 dei quali in inferiorità numerica!) e 41 assist il primo; 21+ 45 il secondo. Loro saranno i sorvegliati speciali, certo, ma i pericoli potrebbero arrivare anche da lontano, dalle retrovie, dove Lutz, Campanale e Murray garantiscono coperture efficaci, tanti minuti sul ghiaccio e pure punti. Pesantissimi, in questo senso, i gol all'overtime nella serie dei quarti di finale contro il Valpellice arrivati dalla stecca di Campanale (in gara 1) e Murray (in gara 5). E poi ci sono l'oriundo Petrov (fondamentale negli equilibri della formazione lombarda), l'ultimo arrivato Waddell (ex compagno di DeVergilio nel Pontebba dei miracoli di Tom Pokel nella stagione 2011/12) e gli italiani di questo Milano: Caletti, Migliore, Frei (giunto da poco dal Caldaro), Terzago e Caffi, quest'ultimo una delle rivelazioni. Un portiere che spesso ha trascinato i rossoblù alla vittoria. Un Milano quadrato e difficile da affrontare, che potrà contare anche sull'enorme spinta dei propri tifosi, soprattutto all'Agorà. Una serie che, precedenti stagionali alla mano, nasce all'insegna dell'incertezza: tra campionato e coppa sei incroci, tre vittorie ciascuno, anche se quelle del Milano (nei quarti di finale della Coppa Italia) hanno avuto un peso specifico diverso. Nella storia dei playoff Asiago e Milano (con l'altra denominazione) si sono affrontati 4 volte in precedenza: bilancio di 3-1 per i lombardi, con due successi su due nelle serie al meglio delle 7 partite (entrambe finali per il titolo, nel 2002/2003 con Laporte e l’anno successivo con Bordelau); nel 2001, infatti, la serie di finale ancora si giocava al meglio delle 5 partite (3-1 per Asiago).

ASSENTI

Nel Milano sono indisponibili gli infortunati Gron e Latin. Leone sarà sacrificato al turnover. Nell’Asiago out DeVergilio (ancora 3 turni di squalifica da scontare, rientrerà per gara 4) e Magnabosco, infortunatosi al ginocchio destro in gara 6 della serie dei quarti di finale con l'Appiano.

Playoff – Gara 1 – Semifinale (best of seven)

Asiago Hockey 1935 – Hockey Milano Rossoblu

Stadio Odegar – Asiago – ore 20:30

Arbitri: Alex Lazzeri e Andrea Moschen. Giudici di linea: Patrick Gruber e Claus Unterweger.

Hc Val Pusteria Lupi – Rittner Buam

Stadio Lungo Rienza – Brunico – ore 20:30

Arbitri: Daniel Gamper e Gregory Loreggia. Giudici di linea: Marco Mori e Ulrich Pardatscher.

Calendario semifinali

Gara 1 – 10 Marzo ad Asiago e Brunico

Gara 2 – 12 Marzo a Milano e Collalbo

Gara 3 – 14 Marzo ad Asiago e Brunico

Gara 4 – 17 Marzo a Milano e Collalbo

Eventuale Gara 5 – 19 Marzo ad Asiago e Brunico

Eventuale Gara 6 – 21 Marzo a Milano e Collalbo

Eventuale Gara 7 – 24 Marzo ad Asiago e Brunico

Come seguire le partite: “Tutto l’hockey minuto per minuto”, per l’Altopiano di Asiago su Radio Asiago (107,7 mhz e in streaming dal sito www.radioasiago.it)

ITINERARI VI.BIKE

VIBIKE

Cerca nel sito

Traduttore automatico

itzh-TWfrhiptrues