Warning: preg_match(): Compilation failed: unmatched parentheses at offset 38 in /web/htdocs/www.vicenzae.org/home/plugins/system/fix404errorlinks/fix404errorlinks.php on line 1207
Itinerari tematici - Consorzio Turistico Vicenzaè

CERCA NEL SITO

Itinerari tematici

Itinerario nei luoghi di Antonio Fogazzaro

Il Consorzio Vicenza è ha realizzato un depliant che intende accompagnare il visitatore attraverso i luoghi di Fogazzaro, individuando le frasi più significative tratte dai suoi romanzi e legate per l’appunto a quei luoghi.

Il volantino è in distribuzione presso gli uffici turistici, si può sfogliare da questo link sfoglia oppure scaricare come file pdf.

Itinerario nei luoghi di Antonio Fogazzaro

Itinerario Il Cammino P.G.R. Per Grazia Ricevuta

Itinerario Il Cammino P.G.R. Per Grazia Ricevuta Itinerario Il Cammino P.G.R. Per Grazia Ricevuta
vedi foto grande vedi foto grande

Itinerario tra i principali Santuari ex-voto e i luoghi più frequentati della nostra Provincia fatti edificare sovente per volontà popolare in seguito ad apparizioni della Madonna, come nel caso del Santuario di Monte Berico, o che la pietà popolare ha trasformato in luoghi di culto diffuso perché conservano i ricordi dell’infanzia di un Santo, come nel caso della casa-natale di Suor Maria Bertilla Boscardin a Brendola.
Un filo conduttore legato alla tradizione popolare più che all’importanza artistica o architettonica degli edifici.
Si tratta di visite che si possono effettuare con motivazioni religiose o per semplice curiosità, per conoscere più da vicino le vicende di una comunità, le sue tradizioni, le sue culture, che fissano nella memoria anche gli eventi storici come le guerre, le pestilenze, le grandi e rovinose inondazioni.

L'itinerario è disponibile nel file allegato o sfogliabile qui sfoglia

 

Allegato: Itinerario religioso.pdf

Itinerario palladiano

Basilica Palladiana - VicenzaIl depliant "Itinerario nell'armonia immaginata da Palladio nella città di Vicenza", tra palazzi, monumenti, chiese che hanno valso a Vicenza il titolo di "città di Palladio" e l'iscrizione nella Lista Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1994.

Sfogliabile a questo link sfoglia oppure disponibile come file pdf da scaricare.
 
Here under you can download the English, German, French and Spanish version of "Palladian routes":

I luoghi della Grande Guerra

I luoghi della Grande Guerra I luoghi della Grande Guerra
vedi foto grande vedi foto grande

La Grande Guerra (I^ Guerra Mondiale, 1915-1918) ha coinvolto il territorio vicentino in modo dirompente, in particolar modo l'altopiano di asiago, ma anche Cima Grappa, il Pasubio e le Piccole Dolomiti, il Monte Cimone.
L'itinerario qui allegato propone la visita dei luoghi più significativi toccati dal conflitto. E' possibile sfogliarlo qui

Allegato: itinerari_grande_guerra.pdf

Jacopo dal Ponte - Il Bassano

Jacopo dal Ponte detto il Bassano (Bassano del Grappa 1510 circa -1592) è considerato uno dei protagonisti dell’arte italiana del XVI secolo. La sua formazione si svolse inizialmente presso la bottega del padre, poi a Venezia, da Bonifacio de’ Pitati. Ultimata la preparazione, fece ritorno nella città natale che lasciò solo occasionalmente per spostamenti di lavoro; nonostante abbia lavorato prevalentemente a Bassano, le sue opere si possono ammirare, oggi, in collezioni di numerose città italiane e del mondo fra cui Londra, Edimburgo, Madrid, Budapest,Rhode Island, New York, Vienna. Nel 1546 sposò Elisabetta Merzari dalla quale ebbe otto figli di cui ben quattro, Francesco, Giambattista, Leandro e Girolamo divennero, come il padre, prolifici ed ispirati pittori.

Il nostro itinerario alla scoperta delle più conosciute opere custodite nella provincia di Vicenza, parte doverosamente dal Museo Civico della sua città natale, Bassano del Grappa dove si può ammirare la più grande ed importante raccolta.
L'itinerario è scaricabile come file pdf oppure sfogliabile qui

Jacopo dal Ponte - Il Bassano
Jacopo dal Ponte - Il Bassano

Il Gotico

Il GOTICO a Vicenza conobbe uno sviluppo importantissimo, contrassegnando prima di tutto l'ampliamento della città stessa, con l'aggiunta di mura fortificate all'epoca della dominazione dei Carraresi (1266-1311) e, successivamente, degli Scaligeri (1311-1387) seguiti, a partire dal 1404, dalla Serensissima Repubblica.
Entro quella rinnovata dimensione urbana, sorsero autentici capolavori dell'ediliza gotica, sia edifici civili che religiosi.

Nel cuore del centro storico, nell'antica zona del Foro romano e sulle fondamenta del Palazzo comunale, in pieno quattrocento, fu edificato in fogge gotiche il Palazzo della Ragione, su progetto di Domenico da Venezia, riecheggiando il veneziano Palazzo Ducale.

In tempi precedenti, ma sempre riconducibili all'affermazione del Gotico in città, i Frati Domenicani, Francescani ed Eremitani fecero innalzare, sullo scorcio del Duecento, splendide costruzioni: rispettivamente Il Tempio di S. Corona ad est, eccezionale interpretazione del Gotico cistercense; la Chiesa di S.Lorenzo, a nord, armoniosa sintesi di romanico e gotico; la Chiesa di S. Michele; a sud, demolita nel 1812.

Nella valle sotto i Berici, gli Agostiniani nel 1323 eressero la Badia di S. Agostino, con le sovvenzioni degli Scaligeri e di nobili vicentini e veronesi.

Appena fuori dalle mura sorse il complesso tardo-gotico di Monte Berico (1428-1467), che tutt'ora affianca il celebre Santuario barocco. All'interno della suddette Chiese troviamo preziose testimonianze di pittura, scultura e oreficeria gotica: in Santa Corona, fondata dal Beato Bartolomeo da Breganze nel 1260, è presente l'Arca di Marco Thiene, con l'affresco di Michelino da Besozzo (operante tra il 1388 e il 1450) con Madonna con il Bambino, Santi e Offerente, il dipinto Madonna delle Stelle, realizzato, nella parte centrale, da Giovanni da Bologna nella seconda metà del trecento; e ancora il famoso reliquirario della Sacra Spina, contesto di pietre preziose che conserva frammenti della Croce e della Corona di Spine, donati da Re di Francia Luigi IX al Beato Bartolomeo da Breganze, Vescovo di Vicenza tra il 1265 e il 1270.
L'interessante connubio tra pittura e scultura è alla base di altre ideazione gotiche: della Pala in Pietra di Vicenza, di Antonino da Venezia, raffigurante la Madonna con il Bambino tra i Santi Pietro e Paolo, in S. Lorenzo; dello stesso artista un'altra Pala in pietra dipinta e dorata è custodita nella Cattedrale, grande edificio del XV secolo, ricostruito in seguito ai bombardamenti degli anni 1944-1945.

Un ulteriore opera dello stesso Da Venezia, proveniente dalla Chiesa di S.Pietro, la ritroviamo esposta assieme ad altri esiti del periodo, presso il Museo civico di Palazzo Chiericati.

Nella Badia di S. Agostino, sono conservati un Polittico di Battista da Vicenza, dalla corsiva narrazione di stampo miniaturistico; un Crocefisso ligneo di Antonino Da Venezia; un prezioso ciclo di affreschi, nel Presbiterio, con Storie della Vergine e degli Evangelisti.

Altra tappa è costituita dalla Chiesa di S.Maria delle Grazie, in cui si può ammirare un interessante Madonna con il Bambino, scultura di anonimo attivo a Venezia negli anni trenta del XV secolo.
La medesima eleganza impronta in numerosi Palazzi gotici, eretti a Vicenza specie durante il XV secolo, a celebrazione del dominio della Serenissima, che portò ad una netta ripresa economica oltre che a fecondi contatti culturali.
Eccezionali cornici in pietra e marmo scolpite e decorate finestre e portali, fanno orgogliosa mostra di raffinati repertori decorativistici.

Risulta agevole per il visitatore intraprendere la visita agli edifici gotici suddividendoli in due distinti itinerari:
- l'uno resta nella zona sulla destra rispetto all'asse viario principale, Corso Andrea Palladio, voltando le spalle a Ponte degli Angeli;
- l'altro sulla sinistra.
Iniziando dalla prima opportunità il percorso potrebbe partire dall'Oratorio dei Boccalotti, in Piazza S. Pietro, proseguendo alla volta di Palazzo Regaù sconfinando in Via XX Settembre.
Da lì, dopo una sosta nel Tempio di S. Corona, si procede verso Palazzo Dal Toso Franceschini Da Schio, detto Cà d'Oro, impreziosito dalla splendida ghiera finemente scolpita del portale.
Proseguendo verso Contrà Giacomo Zanella, notiamo la fastosa presenza di Palazzo Sesso Zen e da lì ci dirigiamo in Contrà Porti, dove l'interpretazione del Gotico veneziano raggiunge gli esiti più ragguardevoli nei Palazzi Porto-Bertolini, Porto-Colleoni e Porto-Breganze.
Risalendo Corso Palladio risalterà il prospetto di Palazzo Braschi-Brunello con i medaglioni scolpiti con profili virili, e Palazzo Thiene.
L'itinerario può essere concluso con la visita della Chiesa di S. Lorenzo nell'omonima piazza.

Un secondo percorso potrebbe avere inizio da Piazza dei Signori, con la visita della Torre Bissara e del Palazzo della Ragione circondato dalle più tarde Logge palladiane.

Una forte concentrazione di edifici gotici si registra in zona Barche, a partire dall'Ospedale di S. Valentino, tra vicolo Retrone e Contrà delle Barche.
In Contrà Piancoli si distingue Casa Scroffa Polazzo, e poco distante troviamo, vicino al panoramico Ponte S.Michele, Palazzo Garzadori Braga.
Procediamo alla ricerca della leggendaria Casa Pigafetta, nell'omonima via, proseguendo verso Contrà Paolo Lioy, per godere della vista dell'elegante prospetto di Palazzo Garzadori Fattore.
Nella vicina Contrà SS Apostoli notiamo l'interessante facciata di Palazzo Sangiovanni e di Palazzo Squarzi Serini, per concludere l'amena passeggiata con Palazzo Arnaldi Segala in Contrà Pasini.

In Provincia vanno segnalate opere gotiche altrettanto importanti. A BASSANO DEL GRAPPA, presso il Museo Biblioteca Archivio, è conservato un Crocefisso ligneo del Guariento, firmato e databile dopo il 1332; un affresco strappato eseguito da Battista da Vicenza, raffigurante le Nozze mistiche di S. Caterina; dei frammenti di Crocefissione; una preziosa tavola con Madonna con il Bambino, di Michele Giambono.

A BREGANZE presso la Casa Mater Amabilis, appartenuta in origine a Naimerio da Breganze, genero di Ezzelino da Romano III, è custodito un interessante Fregio a motivi vegetali, putti e soggetti zoomorfi, del V-VI decennio del XV secolo.

A NANTO nella Chiesa di S. Maria, un anonimo affrescante di ambito micheliniano, eseguì nel Presbiterio l'affresco con Annuncio ai Pastori e Santo.

THIENE riserva ottime sorprese nella Chiesa di S.Vincenzo, con gli affreschi della Cappella del Presbiterio, commissionata dalla famiglia Thiene, eseguiti da un seguace di Michelino da Besozzo; a Giovanni Badile spettano altre due opere pittoriche con Storia della Vita di S. Vincenzo e Adorazione dei Pastori.

A ZUGLIANO, nella Chiesa di S. Maria, va segnalato l'affresco di inizio secolo XV, con Madonna in Trono con il Bambino e le Sante Chiara e Marta di pittore veneto.

A breve distanza da Zugliano frazione Grumolo di Pedemonte, troviano nella Chiesa di S. Maria Maddalena il prezioso Polittico di S. Biagio, con bella cornice dorata. Nella vicina frazione Centrale, presso la Chiesa di S. Clemente un artista di ambito veneto eseguì un interessante Crocefisso (1442) in legno dipinto a tempera.

Altra tappa va individuata nel panoramico paesello di VELO D'ASTICO, frazione Seghe, dove, nella quattrocentesca Chiesa di S. Giorgio, si può ammirare un elegante Polittico (1408) di Battista da Vicenza, e un ciclo di affreschi (1408-09) di pittore veronese del XV secolo, a decorazione delle lunette e della Volta dlla Cappella di S. Antonio, dei nobili Conti Velo. Le scene riproducono l'episodio agiografico che all'epoca riscosse maggior successo, quello cioè con S.Giorgio che uccide il drago; gli altri episodi sono la Crocefissione; la Natività, la Ressurrezione; Cristo nel Sepolcro e Figure di Evangelista.

Concludiamo dunque il nostro tour sostando ad ARZIGNANO, frazione di Castello, presso la Chiesa di S. Maria ed Elisabetta, per ammirare la Pala scolpita da Nicolò e Antonini da Venezia, con Madonna in Trono con il Bambino (1425), e il celebre Polittico di artista di ambito squarcionesco, suddiviso in 14 scomparti disposti su due registri, con fastosa cornice in legno dorato e dipinto.

Itinerari in bici

IL LAGO E LA ROTONDA - 35 km - 2 h 30' - percorso misto su asfalto e sterrato che unisce bellezze d'arte e fascino agreste, immersi in un silenzio ormai dimenticato - FACILE

Partendo dall'Arco delle Scalette imbocchiamo la pista ciclabile Riviera Berica, parallela alla strada omonima ad alta densità di traffico. Dopo circa 200 m, incrociamo via G. Tiepolo per la quale proseguiamo e, superata una breve salita, raggiungiamo Villa Valmarana "ai Nani", soprannome derivante dalle piccole statue di nani che decorano il muro di cinta. Dal piazzale della villa parte Stradella Valmarana, sterrata, da percorrere bibi alla mano - attenzione ai gradini -che in breve raggiunge Villa Almerico Capra Valmarana detta "La Rotonda", capolavoro del Palladio e dell'architettura di ogni tempo.

 


Variante: LA PASSEGGIATA DEL SILENZIO Riprendiamo via della Rotonda in leggera discesa fino ad incrociare ed attraversare la Strada Statale 247 della Riviera Berica. Percorriamo quindi la pista ciclabile in direzione sud per circa 3 km e, dopo aver oltrepassato il sottopassaggio dell'autostrada A4 Serenissima, la abbandoniamo all'altezza di via Cipro, in corrispondenza della tabella Lago di Fimon. Incrociamo di nuovo la Statale 247 e giriamo a sinistra. Percorsi con attenzione circa 100 m sulla statale, svoltiamo a destra, in corrispondenza della Chiesa di Longara. (4,5 km)
Al bivio immediatamente succesivo facciamo attenzione a prendere a destra, mantenendoci in piano, per via Grancare. Si tratta di una bella strada panoramica che corre ai piedi del colle di Longara, poco trafficata, su cui si affacciano ville e fattorie. Di particolare interesse Villa Papadopoli (prima metà sec. XVIII). In lieve saliscendi, dopo 4 km, arriviamo all'agglomerato delle Grancare Basse, nei pressi di Pianezze. Continuando in falsopiano, dopo 900 m circa, si incrocia la strada che conduce, in salita, a Pianezze. La oltrepassiamo e prendiamo davanti a noi via Palù, che dopo 600 m diventa Via Boeca. Dopo circa 1 km di percorso prima asfaltato e poi sterrato giungiamo sul lato settentrionale del Lago di Fimon dove è posta l'indicazione del Sentiero Archeologico Didattico delle Valli di Fimon. Proseguiamo per altri 200 m e, dopo aver superato una breve ma ripida salita, allo stop svoltiamo a sinistra. Qui cominciamo a vedere il lago (10,5 km),
il cui periplo vale la pena di compiere; 4 km pianeggianti, di cui 3 su sterrato leggermente sconnesso. Completato il giro e ritornati al punto di inizio, allo stop svoltiamo questa volta a destra. Andiamo avanti per circa 800 m fino all'incrocio per Lapio. Lo oltrepassiamo e prendiamo a sinistra la strada bassa, via Valdimarca che corre tra il colle e il Canale Ferrara, uno dei numerosi canali di bonifica esistenti nel territorio acquitrinoso del lago. In parte non asfaltata, è tuttavia facilmente percorribile anche con bici da città. La strada offre suggestivi scorci panoramici sui colli di Arcugnano. Proseguiamo sempre dritti su sterrato per via Fontanelle, tralasciando l'invitante strada asfaltata sulla destra, per giungere in breve al piccolo borgo di Fimon. (19 km).
Al paese, che si trova sulla testata della piccola valle, ci teniamo sulla destra, percorrendo così in senso inverso l'altro lato della valle sulla poco frequentata strada che conduce a Torri di Arcugnano. (23 km)
Alla fine dell'abitato, dove il colle gira a sinistra, abbandoniamo la strada principale e svoltiamo a sinistra per via Fontega, (24,5 km) che pianeggiante, alla base del colle, si inoltra nella Valletta della Fontega. Percorsi circa 4 km avvolti in una magica e serena atmosfera di silenzio, ritorniamo sulla strada principale che in breve conduce al semaforo Tormeno. (29 km).
Qui svoltiamo a destra per Strada di Longara e proseguiamo fino ad incrociare la Statale 247 della Riviera Berica. (30,5 km) La attraversiamo per riprendere a sinistra la pista ciclabile che porta a Vicenza.

Variante
: LA PASSEGGIATA DEL SILENZIO
Usciti dal portone della villa, proseguendo a sinistra per via della Rotonda, si imbocca la Valletta del Silenzio, cara al Fogazzaro, suggestivo ambiente rurale ai piedi del Colle di Monte Berico. La presenza di canali, siepi, filari di alberi e colture di tipo tradizionale accompagna la strada fino al sentiero, segnalato da un apposito cartello, che conduce in salita al Parco di Villa Guiccioli, sulla dorsale del Colle di Monte Berico notevole per il panorama e le querce secolari (mezz'ora di cammino in tutto). Si consiglia la visita all'adiacente Museo del Risorgimento e al Santuario di Monte Berico, dedicato alla Vergine Maria, che sovrasta la città di Vicenza. Dall'antistante Piazzale della Vittoria ampia vista sulla città e sulla pianura a settentrione fino alle Pealpi.


VILLE E NON SOLO
- 27 km - 2 h - percorso suggestivo ai piedi delle colline, interamente pianeggiante - FACILE / variante Cordellina - 23 km - 1 h 30 - strade secondarie si alternano a brevi tratti su strade ad alta densità di traffico - FACILE
Alla fine della pista ciclabile di viale Trento attraversiamo, bici alla mano, il semaforo dell'Albera e prendiamo a sinistra via del Sole. Percorsi 50 m, svoltiamo a destra in via Magellano, al termine della quale dobbiamo dare la precedenza e girare a sinistra in via Biron di Sopra (il nome della via si legge più avanti). Pedaliamo per 1,5 km fino alla biforcazione. Qui inizia, a sinistra, via Ambrosini, la Variante per la Villa Cordellina. Tenendo la destra, per via Monte Crocetta, immersi nella campagna con le sue tipiche case rurali, giungiamo al bivio Monteviale-Maddalene. Continuiamo sulla destra per Maddalene fino al semaforo, (3 km) dove svoltiamo a sinistra seguendo l'indicazione "Sorgenti della Roggia Seriola". Passiamo davanti alla Vecchia Chiesa (sec. XV) dedicata a Santa Maria Maddalena con i resti dell'annesso convento e proseguiamo dritti imboccando una strada sterrata. Percorsi 200 m, all'angolo di una bella villa padronale, inizia sulla destra la pista ciclabile. Una lieve discesa ci porta alle risorgive della Roggia Seriola, interessante fenomeno molto diffuso in provincia. La zona è un'autentica oasi naturale ricca di vegetazione e di uccelli che vi trovano facile dimora. Dopo 200 m, all'incrocio con un altro tratto di sterrato, teniamo la sinistra e giungiamo alla tabella che informa sulle caratteristiche del Bosco Urbano. (4.5 km) Proseguiamo a sinistra attraversando una strada di scarso traffico e giungiamo alla fine della ciclabile. Ci troviamo ad un incrocio alle porte di Costabissara, giriamo a sinistra per via Fornaci, una strada le cui curve seguono gli antichi confini padronali. Giunti allo stop attraversiamo e, dopo 300 m, al segnale dare la precedenza giriamo a sinitra, quindi, dopo 200 m, svoltiamo a destra in via S. Carlo, su cui si affaccia lo splendido parco ricco di piante secolari di Villa S. Carlo. (8.5 km) Allo stop prendiamo a sinistra in direzione Castelnovo e arrivati nella piazza del paese (13 km), alla rotatoria, seguiamo a destra l'indicazione Vicenza. La strada che stiamo percorrendo è via Roma. Al semaforo proseguiamo diritti per via Chiodo in direzione Caldogno e, percorsi 3 km, all'incrocio con la Statale 349 la attraversiamo con molta attenzione. Proseguiamo per via Fogazzaro che diventa via Marconi ed al semaforo prendiamo via Pagello, su cui si trova l'ingresso di Villa Caldogno, attribuita al Palladio. (17,5 km) Usciti dalla villa ritorniamo al semaforo, riattraversiamo e opo 300 m svoltiamo a destra per un viale alberato che porta al cimitero, al cui interno possiamo visitare la Chiesetta di S. Michele, importante testimonianza di arte longobarda in terra vicentina. Ripercorriamo il viale, giriamo a destra per via Marconi e dopo 100 m svoltiamo a sinistra per via Dante. Pedaliamo fino allo stop, attraversiamo e continuiamo per via Molinetto. Dopo 1 km, superato un ponticello, giriamo a sinistra per via Latason. La strada che stiamo percorrendo disegna un'insolita curva a "U" sulla destra e raggiunge poco dopo un laghetto per la pesca sportiva (20,5 km); al capitello giriamo a sinistra e continuiamo fino allo stop davanti al cimitero. Svoltiamo a sinistra, pedaliamo per 1,2 km e alla rotatoria di Rettorgole (21,5 km) giriamo a destra restando sulla stessa strada che più avanti prende il nome di via Gardellina. Proseguiamo sulla destra in via Maggio di Lobbia e dopo 300 m (attenzione: cartello poco visibile) sono segnalati sulla destra i resti dell'Acquedotto Romano. (24 km) Proseguiamo e, al semaforo, giriamo a destra. Dopo 100 m al semaforo successivo svoltiamo a sinistra,e percorsi 200 m, alla Chiesa Nuova della Maddalene, prendiamo a sinistra via Rolle. Poco dopo inizia la pista ciclabile che ci riporta al semaforo dell'Albera. (27 km).

Variante
:VILLA CORDELLINA LOMBARDI
Alla biforcazione prendiamo a sinistra via Ambrosini, un rettilineo alberato di 1,4 km. Allo stop giriamo a sinistra costeggiando il muro di cinta di Villa Loschi Zileri Motterle. Arrivati allo stop svoltiamo a destra in direzione Creazzo. (2 km) Usciti dalla villa, prendiamo a destra facendo attenzione al fondo stradale dissestato e al traffico. Percorriamo per 700 m un bel viale alberato, alla fine del quale, in curva, svoltiamo a sinistra in via Carpaneda (non c'è cartello stadale per cui seguiamo Golf Claub). Continuiamo per circa 800 m fino allo stop dove svoltiamo a destra per giungere alla rotatoria di Creazzo. Qui seguiamo la segnaletica per Sovizzo giriamo a sinistra per via dell'Industria. Imboccata la pista ciclabile, tenendo sempre la destra, svoltiamo per via dell'Artigianato e continuiamo fino allo stop. Attraversiamo e proseguiamo per via Pasubio e riprendiamo la ciclabile fino allo stop successivo. Sulla destra importante Complesso Funerario Cultuale dell'Età del Rame, di recente scoperta. (7,5 km) Giriamo a sinistra per San Daniele e allo stop, di nuovo a sinistra in direzione Montecchio Maggiore. Davanti a noi, in cima al colle, si profilano i Castelli di Giulietta e Romeo. Proseguiamo fino ad incontrare, sulla sinistra, il muro di cinta che delimita la parte posteriore di Villa Cordellina Lombardi. (11,5 km) Ritorniamo a Vicenza percorrendo l'itinerario a ritroso.

NEL CUORE DEI BERICI - 62 km - 6 h - percorso caratterizzato da saliscendi anche impegnativi nella magica atmosfera dei Berici - MEDIO-IMPEGNATIVO

DI VILLA IN VILLA NEL BASSO VICENTINO - 76,5 km - 6 h - percorso quasi interamente pianeggiante nella campagna del Basso Vicentino e in Val Liona tra antichi borghi, campi coltivati e vecchi mulini - MEDIO

ORIZZONTI PALLADIANI - 65 km - 5 h 30' - percorso quasi interamente pianeggiante nella campagna a nord di Vicenza arrivando a toccare la fascia collinare pedemontana - MEDIO

LA CITTA' DEGLI SCACCHI - 72 km - 7 h - percorso quasi interamente pianeggiante nella campagna a nord di Vicenza arrivando a toccare la fascia collinare pedemontana - MEDIO-IMPEGNATIVO


PERCORSI IN MOUNTAIN BIKE SULL'ALTOPIANO DI ASIAGO E A RECOARO

PERCORSI IN MOUNTAIN BIKE A TONEZZA

Goethe a Vicenza

Il 3 Settembre 1786 Goethe parte da Karlsbad alla volta dell'Italia. Una partenza improvvisa, nel cuore della notte, sotto falso nome, che viene da molti interpretata come una "fuga". Il poeta si lascia alle spalle l'amore tormentato per la baronessa Von Stein, con la quale comunque intratterrà un fitto epistolario, e i molteplici incarichi pubblici che lo distoglievano dall'impegno letterario. Per ritrovare serenità, dunque, il poeta varca il Brennero con l'intenzione di dar libero sfogo alle proprie inclinazioni fuori da ogni protocollo. Da Verona a Vicenza, quindi a Padova e a Venezia, dove sostò a lungo; poi a Roma, vertice dei suoi interessi, e infine a Napoli e a Palermo in un viaggio che doveva essere di poche settimane e durò invece più di due anni.
A Vicenza sosta dal 19 al 26 settembre
. Vi tornerà, brevemente, nel 1790.

ITINERARIO 1
Goethe, nella sua settimana vicentina, è un uomo sollevato che, liberatosi dagli stivali e da altri paludamenti, ama mischiarsi alla gente lodando i modi degli uomini e la non comune bellezza di certe donne brune e ricciute. Lo incontriamo in Piazza dei Signori, dove sorge la Basilica Palladiana, opera prima dell'architetto tanto ammirato. I diari ci restituiscono la bella immagine del poeta che si ristora con un grappolo d'uva sotto i suoi portici. Altre lodi sono per la poderosa partitura della Loggia del Capitaniato, anche questa opera palladiana ma della maturità. Chiude lo spazio monumentale il complesso del Monte di Pietà, già sede della Biblioteca Civica, che il poeta visita per rendere onore alla memoria del giurista Bertolo, che la istituì. La sua ammirazione per gli uomini di scienza si manifesta con la visita all'eminente botanico Turra e all'architetto Bertotti Scamozzi, erede diretto della lezione palladiana nonchè autore de "Il forestiero istruito", una sorta di "baedeker" dell'epoca.
La visita prosegue in corso Palladio con la Basilica di S.Corona, della quale è lodata un'Adorazione dei Magi del Veronese. Più avanti è la cosidetta Casa del Palladio, che ispira a Goethe alte considerazioni e il desiderio di vederla inserita in un quadro del Canaletto. Poi il corso sbocca in uno slargo: vi si affacciano Palazzo Chiericati, la più importante dimora urbana disegnata dall'architetto, e il Teatro Olimpico, altro suo capolavoro, che Goethe descrive con toni accorati: "un teatro sul modello antico, ma in piccole proporzioni e indicibilmente bello...". Qui Goethe, mischiato tra il pubblico, assiste divertito a una tornata dell'illustre Accademia Olimpica. Di tutt'altro tenore è la sera che il poeta passa al Teatro Eretenio: vi si rappresenta il Ratto nel Serraglio e gli spettatori dimostrano senza mezzi termini di gradire le grazie cantate.

ITINERARIO 2
Appena fuori città, Goethe visita la Rotonda, vertice dell'arte del Palladio. La villa, in forma di tempio, domina la campagna attraversata dal Bacchiglione. "Forse mai l'arte architettonica ha raggiunto un tal grado di magnificenza" considera il poeta. Poco distante, a Villa Valmarana ai Nani, avviene invece l'incontro con la pittura del Tiepolo: senza sapere di avere di fronte l'opera di padre e figlio, giudica lo stile sublime del primo superiore a quello naturale del secondo. Poi Goethe sale i portici del Santuario di Monte Berico.La chiesa barocca non lo tocca e neppure la grande tela del Veronese che anni prima suscitò opposti sentimenti nel padre Kaspar: ammirazione per l'arte, scandalo nel vedere Gesù seduto a una mensa fastosa. Il poeta ricoda piuttosto il grazioso incontro con una donna velata. "Volesse Iddio" - è il suo sfogo - "che il Palladio ci avesse lasciato il disegno di una fabbrica per la Madonna del Monte...avremmo veduto cosa di cui ora non abbiamo nemmeno l'idea!".

Itinerari romantici

Che cos'è romantico ai giorni nostri?

Partiamo per questo viaggio sentimentale dal cuore antico di Vicenza. L'occhio segue le volute del fiume, varca antichi ponti, si sofferma su palazzetti dai preziosi inserti d'arte: è il rione Barche dove un tempo approdavano i burchi che dal mare e dalle lagune risalivano il Bacchiglione. Ritroviamo l'eco della Venezia dei mercanti nel gotico fiorito di finestre e portoni, nei portici e nei ballatoi che furono di fondaci, nelle volte in penombra dalle quali ancora emergono voci genuine.

Basilica dei Santi Felice e Fortunato - Vicenza San Valentino
Poi usciamo dal borgo, dove sorge la Basilica dei Santi Felice e Fortunato. Qui si onora con una bella festa, dal 1922, una reliqua di San Valentino patrono degli innamorati. Per la verità la tradizione della Festa di S. Valentino a Vicenza si ripete da 500 anni ed è stata spostata nella Basilica dei SS Felice e Fortunato a seguito della sconsacrazione della Chiesa di S.Valentino della quale si può apprezzare la facciata al civico 54 di Corso San Felice (oggi Lanaro Arredamenti).
Sono trascorsi oltre 1.730 anni da quel 14 febbraio, giorno dalla morte, e il culto di San Valentino, il vescovo guaritore di Terni, è sempre vivo. Nacque nel 170 dopo Cristo e morì, sul patibolo, quasi centenario nel 269. Venerato in tutto il mondo come il santo della pace e dell'amore, proclamato a furor di popolo come protettore degli innamorati gode di una enorme popolarità in tutto il mondo dal Giappone, agli Stati Uniti, all'Inghilterra e persino in Australia. Peraltro furono proprio gli anglicani d'Inghilterra e i protestanti degli Stati Uniti i primi a proclamarlo protettore degli innamorati e dove la ricorrenza del 14 febbraio, ufficializzata nel secolo scorso, è particolarmente sentita.

Villa Valmarana ai Nani Villa Valmarana ai nani - la storia di Lajana
Qui vigilano, impietriti dal dolore, i nani che la leggenda vuole custodi di una fanciulla anch'essa deforme. La scelta dei nani fu un pietoso espediente per darle a credere di essere bella in una bella corte ma invano. Un giorno, affacciata al balcone vide passare uno splendido cavaliere e ne rimase colpita. Immediatamente però si rese conto della deformità e disperata, si tolse la vita. I suoi fidi servitori, dal dolore per la scomparsa della fanciulla, si pietrificarono ed oggi ricevono i visitatori dall'alto delle mura di Villa Valmarana.
Proseguendo verso la Rotonda si raggiunge la Valletta del Silenzio tanto cara al Fogazzaro e ancora oggi meta di passeggiate al chiaro di luna, mentre salendo verso il Santuario di Monte Berico si seguono le morbide ondulazioni dei Colli Berici dove salgono, oggi magari com moderne automobili, gli innamorati alla ricerca di silenzio e solitudine.

Castelli di Giulietta e Romeo I Castelli di Giulietta e Romeo
Non è la Verona di Shakespeare, ma il borgo di Montecchio e la penna di Luigi da Porto, che fu antesignano nel raccontare una vicenda che chissà mai dove si svolse, se mai si svolse. Ma i due manieri che si guardano dalla cima di colli opposti ci invitano a credere che l'ispirazione per la novella dei giovani sfortunati amanti sia nata proprio qui e che un altro monumento vicentino Villa da Porto di Montorso, proprietà di famiglia dello scrittore, abbia battezzato l'opera.
La voce popolare vuole, infatti, che il Da Porto solesse rifugiarsi presso la casa del fattore Borin dove in un vano d'angolo del primo piano in una mattonella stava scritto "in questa camera Luigi da Porto ha scritto la novella di Giulietta e Romeo.

Orgiano Orgiano e la vera storia de I Promessi Sposi
è questo luogo, situato nel basso vicentino, che fa da sfondo al processo ad un nobilotto di provincia, tracotante e violento, spalleggiato da uomini di masnada, che assieme al cugino insidia le giovani del luogo, tormentandole fino a violentarle.
L'incartamento del processo a questo tale Paolo Orgiano propone delle sorprendenti analogie con la storia del Manzoni al punto che l'incartamento potrebbe essere considerato come quel "manoscritto dilavato" che Manzoni stesso indicava come propria fonte.
Il romanziere nutriva, infatti, un vasto interesse per gli atti processuali a cui fa riferimento spesso, e non solo nei Promessi Sposi.

Marostica La contesa per la bella Lionora di Marostica
Il nostro itinerario romantico si sposta ora verso il nord e giunge a Marostica nota nel mondo per la famosa Partita a scacchi con la quale due giovani, Vieri di Vallonara e Rinaldo di Angarano, si sfidarono per l'amore e la mano della bella Lionora, figlia del veneto Podestà dell'epoca Taddeo Parisio (1454).
Dal 1954, cinquecento anni dopo la prima sfida, questa partita a scacchi viventi viene riproposta ogni due anni e coinvolge 400 figuranti circa: praticamente l'intera popolazione di Marostica.

Ponte degli Alpini - Bassano del Grappa ...e infine....Sul Ponte di Bassano, là ci darem la mano ed un bacin d'amore
Concludiamo l'itinerario sul celebre ponte ligneo del Palladio e degli alpini che, da quasi 500 anni, raccoglie le confidenze degli innamorati che come vuole la celebre canzone, qui si scambiano un bacino ed un fazzoletto come pegno d'amore.


ITINERARI FRA LUOGHI, CHIESE E FESTE DEDICATI A S. VALENTINO

VICENZA CITTA’

BASILICA DEI SS. FELICE E FORTUNATO
Reliquia di San Valentino conservata nella chiesa ed esposta al bacio dei fedeli durante la celebrazione della messa ogni anno il 14 febbraio. Dal 1922, cioè da quando sono state qui portate le reliquie del Santo e il dipinto del Maganza che lo raffigura, vi si tiene la tradizionale festa di S. Valentino.
La chiesetta di san Valentino risalente al XVI secolo dov’erano accolte inizialmente le reliquie venne sconsacrata nel 1922; si può ancora apprezzarne la facciata al civico 54 di Corso San Felice (oggi Lanaro Arredamenti).

CHIESA DI SANTA MARIA IN ARACELI
Nell’altare laterale di destra, eretto nel 1732, sono custodite le reliquie dei SS. Vito e Lucia (a sinistra) il capo di S. Valentino Martire (al centro) e altri Santi (a destra).

Ecco una breve storia della reliquia del capo di S. Valentino, comprovata da documenti autentici: torniamo al tempo in cui la chiesa d'Araceli era parte del convento delle monache Clarisse. In questo convento fu ospite per qualche tempo Lucrezia Barberini, nipote del Pontefice Urbano VIII, che era stata destinata in moglie al Duca Francesco di Modena. Essa aveva una zia Clarice Vaina Rasponi, nobile fiorentina, che aveva avuto in dono alcune Reliquie di Santi Martiri, fra le quali il Capo di S. Valentino, dall'illustrissimo Anania Marcello Vescovo di Sutri, allora Vicereggente del Cardinale Ginetti Vicario del Pontefice Innocenzo X. Monsignor Anania Marcello le aveva a sua volta avute dal Vescovo Verulano suo predecessore, che le aveva estratte dal cimitero Ciriaco nel campo Verano con mandato del Papa. Ora, avendo la Rasponi contratta relazione col monastero d'Araceli a cagione della sua nipote Lucrezia Barberini, nel 1656 mandò in dono a queste Monache varie Reliquie fra le quali, il Capo di S.Valentino conservato in una teca d'ebano; venne poi posto in una teca d'argento nel 1690. (da www.vicenzanews.it)

VILLA VALMARANA AI NANI
La leggenda di Lajana, sfortunata fanciulla innamoratasi perdutamente di un principe che non avrebbe mai potuto ricambiare il suo amore e perciò morta suicida, vegliata per l’eternità da una corte di nani trasformatisi in pietra dal dispiacere di averla perduta.

 

DA MONTECCHIO MAGGIORE ALLA VALLE DELL’AGNO E DEL CHIAMPO

MONTECCHIO MAGGIORE
Nei pressi del centro del paese si trova una chiesetta dedicata a S. Valentino di proprietà del Comune. Qui la venerazione del Santo è molto sentita Infatti, oltre alla messa per gli innamorati e al bacio della reliquia di san Valentino presso l’omonima chiesetta, saranno presenti le giostre per i bambini e la pesca di beneficenza.

A Montecchio si trovano anche i castelli di Giulietta e Romeo, dai quali Luigi da Porto trasse ispirazione per una novella, a sua volta divenuta la base per la stesura della tragedia per antonomasia, ad opera di William Shakespeare.

CASTELGOMBERTO
Esiste una chiesetta dedicata a S. Valentino che è di proprietà del Comune, ben tenuta e recentemente restaurata dai volontari della locale Associazione degli alpini.
Il giorno di S. Valentino viene normalmente aperta per la celebrazione di una S. Messa. Si potrebbe ipotizzare che abbia un’origine di chiesa esaugurale longobarda, ma è un’ipotesi non dimostrata. E’ menzionata per la prima volta in una investitura vescovile del 1288, quando recava solo il titolo di S. Giorgio. Più volte rimaneggiata, vide un radicale restauro nel 1739, e nell’occasione assunse anche il titolo di S. Valentino, invocato per la guarigione delle febbri. Fu ridotta alle forme attuali a metà del secolo scorso e per molto tempo fu custodita da un laico che dimorava presso la chiesa stessa. Nei primi anni di questo secolo la chiesa e lo spazio antistante svolsero funzioni di “lazzaretto” per gli ammalati di febbre spagnola: si conserva ancora, a lato dell’edificio sacro, un’autoclave per la sterilizzazione degli indumenti (da www.comune.castelgomberto.vi.it)

NOGAROLE
Esiste una pala dedicata a S. Valentino nella Chiesa dei SS Simone e Giuda, che risale al 1400 circa e raffigura una madre che porge al Santo la figlia epilettica.

CRESPADORO
In frazone Marana, contrada dei Cortesani, c'è un Oratorio risalente al 1776 dedicato al Santo, ben restaurato e ricco di affreschi, dove si trova una statua di S. Valentino. Il giorno 14 febbraio viene tradizionalmente organizzata una sagra e celebrata una S. Messa.

VALLI DEL PASUBIO
Presso il quartiere Savena, nella piccola Chiesa di S. Carlo (20 posti) che viene aperta solo il 14 febbraio, occasione in cui viene anche celebrata una S. Messa.

 

DAL BASSANESE ALL’ALTOPIANO DI ASIAGO E DEI SETTE COMUNI

BREGANZE
In località Mirabella c'è una chiesetta dedicata al santo dove generalmente viene celebrata una S. Messa il giorno 14 febbraio. Esiste un Comitato festeggiamenti che da diversi anni organizza tre giorni di spettacoli.

POZZOLEONE
S. Valentino è il patrono di Pozzoleone. Le origini della tradizionale fiera agricola, la tradizione vuole che siano da ricercare nella devozione a S. Valentino, al quale è dedicata la bella chiesetta immersa nel verde dei campi, diventata il simbolo della Fiera. E’ la prima rassegna fieristica dell'anno ed esercita sempre un grosso richiamo su coltivatori, commercianti e semplici visitatori. Nel 1956 l'Amministrazione Comunale decise di trasferire la Fiera lungo le strade di Pozzoleone abbandonando così gli originari campi attorno alla chiesa di S. Valentino. (da www.pozzoleone.org/fiera)

ROMANO D'EZZELINO
Il comune organizza regolarmente per la domenica più vicina al 14 febbraio la Passeggiata campestre di S. Valentino fra i colli e le valli ezzeliniane di 7 o 9 km per apprezzare il paesaggio e i siti storici ezzeliniani.

ASIAGO
In quel di Godeluna, suggestiva contrada, nei pressi di Stoner c’è una chiesetta eretta nel 1902 dedicata a S. Valentino. La chiesa è intitolata ad un santo che pare non fosse molto venerato nell’Altopiano. Sembra sia stato “importato” a Godeluna a causa dei pastori che, per tradizione, il 14 febbraio si incontravano a Padova per partecipare ad una solenne funzione religiosa nella basilica di Sant’Antonio, santo che trovava molti devoti. Ultimata la funzione, seguivano incontri conviviali nel corso dei quali venivano conclusi affari e nascevano fidanzamenti, motivo per cui la chiesetta è stata dedicata al Santo degli innamorati (da www.asiago7comuni.biz)

 

IL BASSO VICENTINO

BRENDOLA
C'è un Capitello dedicato a S. Valentino situato nell'omonima Via e Contrada. Il giorno 14 dal 1629 si festeggia il patrono degli innamorati: vengono normalmente organizzati tre giorni di spettacoli e viene celebrata una S. Messa.

ALONTE
In località Corlanzone si festeggia S. Valentino con una sagra di tre gioni, attorno al 14 febbraio.

CAMPIGLIA
Nell'antica chiesetta parrocchiale di S. Pietro (XIII sec.), vicino a Villa Bressan, c'è una cappella dedicata al Santo.

PONTE DI BARBARANO
In via Crispi, vicino a Villa Rigon, c'è una chiesetta intitolata al Santo dove sono conservate sue reliquie.

 

LUNGO LA VAL LEOGRA

COSTABISSARA
C'è una chiesetta dedicata a S. Valentino nella quale viene celebrata di solito una S. Messa con la benezione del pane, poi distribuito ai bambini presenti.

GAMBUGLIANO
Il giorno di S. Valentino viene di solito organizzata in Parrocchia una cena per le coppie anche di fuori paese.

MALO
La chiesa di San Valentino è del 1800 ed è stata ristrutturata dagli Alpini di Malo negli anni '80. Era una cappella di proprietà della facoltosa Fam. Meneghello di Malo. La Parrocchia di Priabona celebra la S. Messa ogni anno il 14 febbraio alle ore 10 e alle ore 15.
E’ ormai alla trentesima edizione la Marcia di San Valentino, organizzata dagli Amici Podisti Malo nella domenica più prossima a San Valentino. I 6-12-20 km conducono fra i boschi e le contrade della zona con meravigliosi panorami di Malo e della pianura circostante.

SAN VITO DI LEGUZZANO
La Chiesa S. Valentino di Leguzzano venne edificata nel secondo cinquecento e ultimata nel 1574. E’ degno di nota, ed è forse la migliore opera di scultura popolare della zona, il lapideo altare maggiore realizzato nel 1579 da Bartolomeo Mercante “lapicida” del luogo.

 

DA THIENE A TONEZZA

THIENE
In Via S. Gaetano esiste una piccola chiesa nobiliare. E' sempre aperta e visitabile. All'interno c'è un altare dedicato a S. Valentino soldato e martire.

SARCEDO
Nel piccolo parco di Villa Suman-Berti esiste un pregevole vecchio faggio rosso sulla cui corteccia, in passato, numerose giovani coppie hanno eternato il proprio amore

PIOVENE
La chiesetta dedicata al Santo Protettore degli innamorati attualmente è di proprietà privata. Un tempo in tale luogo veniva celebrata la Santa Messa ogni anno il 14 Febbraio.

CALVENE
In località Prà del Giglio c'è una piccola chiesetta intitolata al Santo

LAGHI
La chiesetta di San Valentino in Contrà Ossati (Altopiano di Cavallara) è una piccola Chiesa dedicata al Santo Protettore degli innamorati dove, ogni anno il 14 Febbraio, si celebra una Santa Messa nel pomeriggio seguita da un piccolo buffet.

TONEZZA
Il Sentiero Fogazzaziano è un sentiero che segue le tappe principali descritte dal Poeta vicentino Antonio Fogazzaro nel sesto capitolo del libro “Piccolo Mondo Moderno” dedicato a “Vena di Fonte Alta” (ossia Tonezza del Cimone). Tale percorso vede il culmine della passione tra i due personaggi principali: Piero Maironi e Jeanne Dessalle. Infatti, dopo varie vicissitudini, i due personaggi trovano, in questi luoghi, la forza di esternare finalmente il loro amore.

Itinerari del vino

ITINERARIO DEI COLLI BERICI

La zona
Nel mezzo della pianura veneta, tra Verona e Padova, sorgono i Colli Berici, posti a sud della città di Vicenza. Sono colline di origine vulvanica, dal clima mite e accogliente, ideali per la vite, in questi luoghi già presente da tempi antichissimi. Nei resti delle palafitte del lago di Fimon furono ritrovati vinaccioli di "Vitis silvestris", risalenti all'età del bronzo.

I vini
Tocai rosso: nasce da un vitigno che nel Veneto viene coltivato in piccole quantità, anche nella zona orientale della regione, ma che qui ha trovato un areale adatto e una caratterizzazione particolare.
È un vino di un bel colorito rosso rubino, diafano e brillante, anomalo nel panorama dei rossi del Veneto. Viene ottenuto pressochè in purezza (se presente nel vigneto, è consentito anche l'impiego di una modica quantità di uva Garganega locale). Ha un intenso profumo caratteristico, che talora ricorda il fico, ed un sapore armonico, giusto, talora tendente all'amarognolo che può essere leggermente tannico. Vino nobile da tuttopasto, è in grado di accoppiarsi felicemente tanto agli arrosti ed agli animali da cortile quanto al baccalà alla vicentina.
Garganego: l'uva con il quale è fatto proviene per la maggior parte dai vitigni omonimi. Bianco tipico caratteristico, di colore paglierino, odore vinoso e profumato, ha un sapore asciutto, amarognolo, lievemente acido, che lo rende ottimo, oltre che da tuttopasto, soprattutto con il baccalà e piatti di pesce impegnativi quali l'anguilla, il luccio o lo sgombro.
Chardonnay Colli Berici: vitigno dalle grandi doti, coltivato ovunque con buoni risultati, ha trovato anche in questa zona terreno adatto ad offrire un prodotto di stoffa. Verificato in purezza o con l'integrazione di una modesta quantità di Pinot Bianco, si presenta di colore giallo paglierino, ben strutturato, profumato, elegante, di sapore composito e armonioso, fruttato. Da bere fresco e giovane è un vino tuttpasto, adattissimo per piatti di pesce e carni leggere.
Tocai Bianco: ottenuto da uve dei vitigni omonimi con la possibilità di impiegare una piccola quantità di Garganega, si propone di colore giallo paglierino, di odore vinoso caratteristico e di sapore armonico, asciutto, fresco. Ottimo come aperitivo, accompagna anche tutto il pasto, preferendo i primi piatti e il pesce.
Sauvignon: di profumo delicato, intenso, caratteristico, al gusto è asciutto, pieno, fresco, armonico. Da bere in compagnia, si presta tranquillamente al tuttopasto, prediligendo i piatti di pesce.
Pinot Bianco: ottenuto da uve dei vigneti omonimi con la possibilità di utilizzare una piccola quantità di Pinot Grigio, si presenta di colore paglierino chiaro, di profumo intenso, caratteristico e delicato. Di gusto pieno, vellutato, completo, piacevole. Un bel bianco da servire fresco, che va bene da aperitivo come da tuttopasto soprattutto con pesce e frutti di mare.
Merlot dei Colli Berici: un colore rosso rubino, ha un profumo intenso, vinoso, caratteristico, un gusto corposo, morbido, armonico, pieno. Vino completo, da bere anche fuoripasto, si accompagna con ogni pietanza, compresi gli arrosti robusti e le carni forti.
Cabernet dei Colli Berici: ottenuto da uve indifferentemente di Cabernet Franc e di Cabernet Sauvignon, è un rosso di rispetto, colore rubino carico tendente al mattone con l'invecchiamento, di profumo gradevole intenso e di sapore asciutto, corposo, lievemente tannico. Da tuttopasto, specie con pietanze robuste, non disdegna però la cucina leggera. se ottenuto con uve selezionate e di qualità e se viene immesso al consumo con almeno tre anni di invecchiamento, può portare la qualificazione aggiuntiva di "Riserva".
Colli Berici Spumante: ultimo nato, ottenuto dalla spumantizzazione di uve Garganega (per il 50%), Pinot Bianco, Pinot Grigio e Chardonnay. Profumato, di corpo, è uno spumante interessante, da provare.


ITINERARIO DI GAMBELLARA

La zona
La bassa Valle del Chiampo, terra vicentina ai confini con il territorio veronese, dove terminano le ultime propaggini dei Monti Lessini, si sviluppa intorno all'abitato di Gambellara.
Da sempre area tenuta in grande considerazione dai buongustai per la produzione locale di vino, del quale si ha testimonianza sin dall'epoca romana: tant'è che oggi Gambellara, Montorso, Zermeghedo e Montebello Vicentino sono di gran lunga più famosi per il loro prodotto che non per fasti e nefasti guerreschi.
In questa zona, tra pendi ora dolci ora più impervi, il terreno è in gran parte formato da basalti e da tufi terrosi di origine vulcanica. Le rocce, facilmente friabili, costituiscono la parte preponderante del rilievo collinare, terreno ideale per le vigne dell'uva Garganega e del Trebbiano del Soave, che danno vita al Gambellara: un vino bianco multiforme, offerto nelle forme più disparate.

I vini
Gambellara: da un uvaggio assai simile al suo vicino veronese, il Soave. Giallo nel colore (dal paglierino al dorato) di odore vinoso con profumo caratteristico, questo vino a D.O.C. si presenta di sapore asciutto, di corpo medio, appena un po' amarognolo. Se le uve provengono dalla zona collinare più vocata e di più antica tradizione, esso può fregiarsi della qualifica "Classico": in questo caso la qualità delle uve produce una gradazione alcolica minima naturale più elevata.
Sulla tavola sposa magnificamente antipasti, primi piatti, secondi leggeri, formaggi e piatti a base di pesce.
Gambellara Recioto: nasce dalle uve del gambellara, colte e lasciate riposare sui graticci e spremute dopo un certo appassimento. È l'unico vino fuori della provincia di Verona al quale è consentito di portare questo antico nome, segno di unicità e distinzione nel patrimonio enologico mondiale.
Si presenta di colore giallo dorato, con un intenso profumo di fruttato, con sapore armonico, amabile, con un lieve gusto di passito, retrogusto amarognolo e con qualche venatura di frizzante, piacevolissima, determinata dalla prosecuzione in bottiglia del processo fermentativo.
La gradazone alcolica minima deve essere di 12?, ma è facile trovarla più elevata.
Si impone come vino da dessert e come vino da incontro. In quest'ultimo caso è meglio fare attenzione: la simpatia suscitata dal suo consumo non deve far dimenticare il tenore alcolico, non propriamente leggero.
Può essere anche spumantizzato, utilizzando il metodo Charmat con fermentazione in autoclave per breve tempo.
Vin Santo di Gambellara: l'unico del Veneto a portare questo nome che abitualmente contraddistingue vini analoghi di altre regioni. Si ottiene dalle uve migliori, lasciate lungamente appassire in maniera da accrescere il più possibile la concentrazione zuccherina, pigiate con spremitura soffice. Il mosto così ottenuto viene posto in botticelle, a loro volta lasciate in luoghi aperti in modo da subire per intero il freddo invernale. Questo processo favorisce una naturale decantazione del vino, che a primavera si presenta limpido e viene travasato in botti per la prosecuzione della fermentazione, che avviene molto lentamente, dove dovrà stare per almeno un anno.
Il processo si completa con il travaso definitivo che sarà portato al consumo, al cui interno il Gambellara deve riposare per un altro anno. Al consumo ha almeno 14?, si presenta dicolore giallo ambrato e con un forte profumo di passito, vellutato, armonico e dolce al gusto.
Tale processo consente di ottenere un prodotto prezioso in tutti i sensi, per qualità, gusto e valore commerciale.

  
ITINERARIO DI BREGANZE

La zona
Tra i rilievi collinari e alcune zone dell'immediata pianura, ai piedi dell'altopiano dei Sette Comuni, si distende questo territorio, che parte dalla vallata dell'Astico e giunge fino alla vallate del Brenta, comprendendo il territorio bassanese a destra del fiume.

I vini
Vespaiolo: prodotto in purezza con uve provenienti dal vitigno omonimo. È un classico: di colore giallo paglierino piuttosto carico, profumo intenso fruttato, con caratteristica leggermente aromatica, il sapore è fresco, piacevole, acido. Proprio per questo si sposa con i piatti di pesce, ma anche alla cucina tradizionale locale, dal formaggio all'asparago con le uova. Qualifica aggiuntiva: Superiore.
Torcolato: vino passito di tradizione, eccellente da dessert, ricavato dalla pigiatura entro febbraio di uve lasciate appassire nei primi mesi invernali con grappoli annodati (torcolati, nel dialetto locale) ad una corda appesa in ambienti aereati. Ha un colore tipico giallo oro, ricco di profumi, che ricordano il miele e l'uva passita. Il gusto va abboccato a dolce, armonico, vellutato. A seconda della lavorazione può acquisire una gradevole sfumatura di legno. Qualifica aggiuntiva: Riserva.
Breganze Bianco: è sostanzialmente un Tocai, che può contenere una modica quantità di uve bianche se presenti nel vigneto. Si presenta di colore giallo paglierino, di odore vinoso delicatamente intenso e di gusto asciutto, rotondo, di corpo. Buon vino bianco da tuttopasto, si accompagna soprattutto a piatti di pesce, ma anche a carni leggere. Ottimo anche come fuori pasto.
Breganze Chardonnay: ottenuto in purezza da viti dell'omonimo vitigno, ripropone le sue straordinarie caratteristiche: gusto equilibrato, gradevolmente morbido, vellutato e armonico, ha un profumo intenso, caratteristico, piacevolmente aromatico e si presenta di un bel colorito giallo paglierino. È un vino per tutte le occasioni. Qualifica aggiuntiva: Superiore.
Breganze Sauvignon: ricavato pressochè in purezza da uve del vitigno omonimo, esalta, con la personalità dei terreni e del clima, le caratteristiche che lo hanno reso famoso: profumo delicato, dolce, più o meno aromatico, che asseconda un gusto fine, gradevole e armonico, arrotondato in alcuni casi dal sapore del legno. Qualifica aggiuntiva: Superiore.
Breganze Rosso: ripropone la forza e le caratteristiche del Merlot, dalle cui uve è ottenuto in purezza, con la possibilità di usare una piccola percentuale di altre uve nere se presenti nel vigneto. Il colore è rosso rubino vivo, odore vinoso, piacevole, espressivo, caratteristico, talora lievemente erbaceo, di sapore asciutto, robusto, armonico, di corpo leggermente tannico. Dà il meglio di sè dopo 2-3 anni. Ottimo da pasto, quando è invecchiato non teme gli arrosti. Qualifica aggiuntiva: Superiore o Riserva.
Breganze Cabernet: ottenuto con Cabernet Franc e/o Cabernet Sauvignon. Si propone con una discreta gradazione naturale, di colore rosso rubino scuro con riflessi granati, accentuati dall'invecchiamento, di odore molto intenso, gradevole, caratteristico. Il gusto è corposo, robusto, asciutto, leggermente tannico, talora erbaceo. L'invecchiamento ne accresce la naturale nobiltà. Qualifica aggiuntiva: Superiore o Riserva.
Breganze Cabernet Sauvignon: figlio dell'ultima "covata" della D.O.C., è ottenuto pressochè in purezza da uve dell'omonimo vitigno, del quale ripropone le caratteristiche: colore rosso rubino intenso, con tendenza a ripiegare sul rosso mattone con l'invecchiamento, ha un profumo erbaceo con profumo intenso e persistente, vinoso, talora addolcito dall'odore del legno dove viene lavorato, che ne arrotonda il sapore, asciutto, pieno, vellutato. Ottimo vino da pasto, fine, personale, è in grado di accompagnare tutte le pietanze. Qualifica aggiuntiva: Superiore o Riserva.
Breganze Marzemino: anch'esso D.O.C., sottolinea la piacevolezza di una tradizione enologica secolare. Ottenuto in purezza da uve dell'omonimo vitigno, si presenta di un bel rosso rubino, spesso vivace, con profumo intenso e caratteristico e un gusto pieno, personale e gradevole, talora, a seconda della lavorazione, ammorbidito dal sapore di legno. Qualifica aggiuntiva: Superiore o Riserva.
Breganze Pinot Nero: vinificato in nero esclusivamente con uve provenienti da un particolare biotipo locale, derivato dai nobili e famosi vitigni omonimi. Si presenta di colore rosso rubino, con sfumature color mattone, di profumo delicato e di sapore asciutto e sapido, con retrogusto amarognolo, che lo propongono ai vertici nazionali tra i vini ottenuti da queste uve. Si accompagna ai piatti di carne ed agli arrosti. Qualifica aggiuntiva: Superiore o Riserva.
Breganze Pinot Bianco: ottenuto in purezza da uve dell'omonimo vitigno, si presenta bianco paglierino chiaro, di gusto secco, molto armonico e vellutato. Il profumo è delicato, gradevole, caratteristico. È un bianco da pasto, ideale per i piatti di pesce. Qualifica aggiuntiva: Superiore.

ITINERARI VI.BIKE

VIBIKE

Cerca nel sito

Traduttore automatico

itzh-TWfrhiptrues