Invito a Palazzo: riapre l'Ala Novecentesca di Palazzo Chiericati con i suoi tesori.

Da venerdì 7 ottobre 2016 dalle 21 a Palazzo Chiericati riapre al pubblico l'Ala Novecentesca completamente rinnovata dopo un lungo periodo di restauro e riallestimento durato otto anni. I visitatori potranno rivedere le opere dei maggiori artisti dal Duecento al Seicento rimaste nei depositi del museo.

Per festeggiare l'avvenimento la Pinacoteca Civica di Palazzo Chiericati sarà aperta gratuitamente per tre giorni (dal 7 al 9 ottobre 2016) per permettere ai visitatori di ammirare i suoi capolavori da Paolo Veneziano a Tintoretto, a Veronese.

Videomapping
In occasione della riapetura dell'Ala Novecentesca per la prima volta la facciata di Palazzo Chiericati sarà lo sfondo di un'esperienza di videomapping sulle opere allestite e sulle tante proposte espositive.
A curare l'evento il team creativo di Zebra Mapping con una performance di projection mapping architetturale per celebrare la riapertura del museo e l'inaugurazione della mostra "Ferro, Fuoco e Sangue! Vivere la Grande Guerra".
I visitatori saranno accolti da un vortice sensoriale ottenuto mediante la fusione tra elementi tridimensionali e gigantesche riproduzioni delle opere esposte, sincronizzate al sound design appositamente creato per sottolineare la potenza scenica delle immagini proiettate sulla facciata.
Le proiezione di videomapping sono previste per venerdì 7 ottobre 2016 dalle 21 alle 23 e sabato 8 ottobre dalle 19 alle 23.

Orario di apertura al pubblico:

Venerdì 7 ottobre 2016: dalle 21 alle 24 (libero accesso a tutto il museo tranne il piano interrato)

Sabato 8 ottobre 2016:

dalle 9 alle 17 (libero accesso a tutto il museo tranne il piano interrato);

dalle 21 alle 24 (libero accesso a tutto il museo)

Domenica 9 ottobre 2016: dalle 9 alle 17 (libero accesso a tutto il museo)

Biglietti:

Dall'11 ottobre 2016 le tariffe per visitare il palazzo sono:

intero 7 euro, ridotto 5 euro, scuole 2 euro

Contatto Settori musei, cultura e promozione della crescita 

http://www.comune.vicenza.it/vicenza/eventi/evento.php/156212

INFO

0444/320854

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.museicivicivicenza.it

L'ospite illustre: "La Trasfigurazione" di Giovanni Bellini torna in Veneto

**AGGIORNAMENTO**:  A poco più di un mese dall’inaugurazione dell’esposizione Giovanni Bellini. La Trasfigurazione alle Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari, sede museale di Intesa Sanpaolo a Vicenza, si contano già più di 11800 visitatori. Lo straordinario successo ha portato alla decisione di prorogare l’apertura della mostra fino all’8 gennaio, per consentire anche al flusso di visitatori nel periodo natalizio di ammirare il capolavoro

Era da quasi cinque secoli che mancava dal Veneto: stiamo parlando della tela “La Trasfigurazione“, identificata come la pala eseguita da Giovanni Bellini intorno al 1479 per la cappella Fioccardo nel Duomo di Vicenza.

La sua presenza oggi a Palazzo Leoni Montanari costituisce quindi un temporaneo ritorno nella città cui era originariamente destinata.

L’opera, proveniente dal Museo nazionale di Capodimonte, inaugura la prima edizione vicentina della rassegna “L’Ospite illustre“, nata grazie alla collaborazione tra Intesa Sanpaolo e il museo napoletano.
Quello di Vicenza è il terzo appuntamento del programma, dopo le precedenti edizioni realizzate alle Gallerie d’Italia di Napoli con l’esposizione del “Ritratto d’uomo” di Antonello da Messina da Palazzo Madama di Torino e dell’”Arlecchino con specchio” di Picasso dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid.

Questo prestito eccezionale si inserisce all’interno del percorso “Giovanni Bellini a Vicenza. Un itinerario nel paesaggio” che si snoda nel cuore di Vicenza e che, oltre alla tela a Palazzo Leoni Montanari in esposizione fino all’11 dicembre 2016, prevede altri due capolavori: la grandiosa pala del “Battesimo di Cristo” conservata nella Chiesa di Santa Corona e la tavola “Cristo crocifisso in un cimitero ebraico” collocata in Palazzo Chiericati.

Il percorso espositivo progettato dal Comune e dai Civici Musei di Vicenza celebra così uno dei più famosi pittori del Rinascimento e indiscusso maestro della pittura veneziana.
Un’occasione unica, in concomitanza con la ricorrenza del cinquecentenario della morte del grande artista, per un approfondimento su un momento fondamentale per le sorti della pittura veneta e conseguentemente di quella italiana, prima, ed europea, poi.

Dove
Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari
Contra’ Santa Corona, 25
Vicenza

Periodo
7 ottobre – 8 gennaio 2017

Orari
Dal martedì alla domenica ore 10:00 – 18:00 (ultimo ingresso ore 17:30)

Ingresso
Intero € 5,00 – Ridotto € 3,00
Gratuito per le scuole e i minori di 18 anni
Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole

Serata musicale con il gruppo "MorvarK", musica irlandese

Venerdì 26 febbraio 2016, nell'ambito della rassegna di eventi collegati alla Chiamata di Marzo, si svolge a Recoaro, presso il teatro comunale, una serata di musica irlandese con il gruppo MorvarK.

Inizio ore 20.45, ingresso libero.

Il 92° Carnevale di Malo 2016

Ha più o meno cento anni ma certamente non li dimostra! Si tratta del carnevale di Malo, un angolo di Rio o, per restare a casa nostra, un angolo di Viareggio in questo Veneto laborioso, ordinato e senza tanti grilli per la testa. Il carnevale di Malo si trasforma: smette l’abito ottocentesco e un po’ serioso delle sue vie e contrade conservate con amorosa attenzione per indossare abiti sgargianti di raso e chiffon, ferma macchine e uffici per liberare la sua fantasia nelle costruzioni effimere di carri multicolori che quasi sovrastano tegole e grondaie. E’ una lunga tradizione, quella del carnevale, qui a Malo. Già il 28 Marzo 1867, si legge nei polverosi registri dell’ archivio, la nuova Giunta comunale eletta all’indomani del plebiscito schierava un assessore con tanto di incarico ufficiale “alle pubbliche costruzioni, censo e carnevale”. E ancora nel 1924 era la società Pro Malo, da poco costituitasi, a sostenere e organizzare il “concorso dei carri mascherati” nella festa cornice di mercati e fiere franche dell’alto Vicentino. Poi la tradizione ha messo radici profonde con le sue storie di personaggi, di contese, di compagnie, di vecchie e nuove sfide per la conquista della pessa appannaggio del carro vincitore.

programma_92°_carnevale_malo

Domenica 31 gennaio: Seconda sfilata

Inizio ore 14.30: apertura con 6° Concorso Dog’s Carnival Show, Banda Cittadina, “Majorettes di Malo”. Sfilata lungo il percorso del centro storico dei cinque carri allegorici, dei carri fuori concorso e dei gruppi mascherati.
Al termine della sfilata, spettacolo musicale per i bambini con i Freeway.
Durante la manifestazione funzioneranno gli stand gastronomici della Pro Malo.
Sabato 6 febbraio: Carnival Night Party
Inizio ore 20.00 presso il tendone riscaldato in P.zza Zanini: grande festa in maschera.
Musica con DJ e partecipazione straordinaria de “I Diamanti”.

Domenica 7 febbraio: Terza sfilata

Inizio ore 14.30: apertura con sfilata lungo il percorso del centro storico dei cinque carri allegorici, dei carri fuori concorso e dei gruppi mascherati.
Con la partecipazione straordinaria dei “Musici e sbandieratori Alfieri della Regina di Piovene Rocchette”.
In serata, presso il tendone riscaldato in P.zza Zanini: Musica con Radio Stella FM.
Durante la manifestazione funzioneranno gli stand gastronomici della Pro Malo.

Martedì 9 febbraio: Quarta sfilata

Inizio ore 14.30: apertura con sfilata lungo il percorso del centro storico dei cinque carri allegorici, dei carri fuori concorso e dei gruppi mascherati.
Notte della Pessa: inizio ore 20.00 presso il Centro Giovanile di Malo.
Presentano: Elena Frigo e Marco Festa
Musica Live.

Sabato 27 febbraio: Chiusura del 92° Carnevale

Inizio ore 20.00 presso la sala consiliare S. Bernardino di Malo:
Premiazione dei carri e dei gruppi mascherati;
Riconsegna delle chiavi della città dal Ciaci al Sindaco di Malo.

ProMalo Tel. e Fax. 0445 607500 | E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

28 febbraio 2016: a Recoaro Terme si torna a "ciamar marso"

A Recoaro Terme si ripropone nell'ultima domenica di Febbraio la Chiamata di Marzo: una grande, originale e festosa manifestazione che vede sfilare per le vie della cittadina termale centinaia e centinaia di figuranti in costume, che in gruppi, a piedi o sui carri allestiti con ogni genere di scenografie, mettono in mostra una straordinaria serie di oggetti, attrezzi e testimonianze della civiltà e della tradizione "cimbra".

Marostica 2016: prevendite aperte per la partita a scacchi

Con grande anticipo rispetto alle passate edizioni, sono aperte le prevendite agli spettacoli della Partita a Scacchi di Marostica a personaggi viventi, in programma venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 settembre 2016. Si tratta dell’evento più importante della città che ogni due anni mobilita gran parte della cittadinanza, grazie alla macchina organizzativa dell’Associazione Pro Marostica. Forti del successo dell’ultima edizione, con un sold out di quasi 16.000 biglietti venduti, l’organizzazione ha deciso di anticipare l’apertura delle prevendite per incentivare la partecipazione del pubblico, soprattutto straniero.Per l'occasione sono state riviste anche le tariffe dei biglietti, differenziati per settori e repliche e che vanno dai 15 € agli 80 €, con l’introduzione della tariffa ridotta per i bambini fino ai 12 anni e una speciale “tariffa ridotta per famiglie” per lo spettacolo di domenica pomeriggio.

Sono 4.000 i posti a sedere disponibili per ogni spettacolo, tutti con una bellissima vista sulla piazza e sulla scacchiera. I biglietti in prevendita sono disponibili sul circuito Vivaticket e oltre che agli uffici di Pro Marostica in Piazza Castello ( pagamento disponibile tramite bonifico bancario).

Come è noto, la rievocazione storica racconta la leggenda, risalente al 1454, di un duello combattuto attraverso una partita al nobile gioco degli scacchi. Un’epopea d’amore senza tempo, che da più di sessant’anni conquista spettatori da ogni parte del mondo. Il resto lo fa la naturale scenografia, una delle piazze più belle d’Italia, incorniciata da due castelli medioevali, quello “da basso” e quello che domina il colle, e un recinto di mura medioevali, fra le più ammirate del Veneto.

La storia, tratta da un testo di Mirko Vucetich, ripercorre la vicenda della figlia del Castellano di Marostica Taddeo Parisio e dei due giovani Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara che si contendono la mano della bella figlia del Castellano, Lionora. Per evitare spargimento di sangue da parte dei due giovani valenti, rifacendosi ad un editto della Serenissima, il castellano decise di concedere la mano della figlia Lionora a chi dei due contendenti avesse vinto una partita al gioco degli scacchi, offrendo invece in sposa Oldrada, la sorella del Governatore ancora giovane e bella, allo sconfitto. L’incontro si svolge in un giorno di festa nella piazza del Castello da basso, con pezzi “grandi e vivi”, armati caratterizzati dalle insegne del bianco e del nero, secondo le antichissime regole imposte dalla nobile arte. La leggenda della bella Lionora è così rievocata da 600 figuranti in costume d’epoca impegnati in una splendida sfilata di ambascerie, dame e cavalieri che assieme ai personaggi della scacchiera e a vessilliferi, ballerine, giocolieri, mangiafuoco, musici e commedianti danno vita ad uno spettacolo straordinario, ricco di effetti scenici e interpretato da centinaia di cittadini che partecipano alla rappresentazione. Il vincitore è salutato da un maestoso tripudio di festa e di colori, con l’illuminazione del Castello e fuochi d’artificio. La leggenda vuole infatti che Lionora, segretamente innamorata di uno dei pretendenti, avesse fatto sapere al contado che il mastio si sarebbe acceso se a vincere fosse stato il suo innamorato. La Partita a Scacchi di Marostica è organizzata dall'Associazione Pro Marostica in collaborazione con la Città di Marostica e con il sostegno della Regione del Veneto. ( da Vicenza Today)

Lo spettacolo viene inaugurato venerdì 9 settembre alle ore 21.00 e viene replicato sabato 10 alle 21.00, domenica 11 alle 17.00 e alle 21.00.

Biglietti interi a partire da 30 euro.

INFORMAZIONI

PREZZI

Al via le semifinali: l'Asiago ospita il Milano in gara 1

Prendono il via domani sera le semifinali scudetto del campionato italiano di hockey su ghiaccio “Serie A Itas Cup”. Da una parte si sfideranno l’Asiago Hockey 1935 e il Milano Rossoblu, dall’altra il Val Pusteria e il Rittner Buam. L’Asiago ha avuto la meglio sull’Appiano solo alla settima partita: quella con gli altoatesini è stata la serie più equilibrata e combattuta dei quarti di finale e l’unica in cui si è resa necessaria la “bella”. Il Milano ha estromesso in cinque partite il Valpellice, guadagnando, assieme alla qualificazione, quattro giorni di riposo in più rispetto agli stellati. Nella serie contro l’Appiano, l’Asiago ha sicuramente speso molte energie (fisiche e mentali), il Milano arriva alla semifinale più fresco; il lato opposto della medaglia è che l’Asiago, almeno inizialmente, potrà contare su un maggior ritmo partita. Gara 1 è in programma domani sera (martedì 10 marzo con inizio alle ore 20.30) all’Odegar di Asiago; anche in questa serie, infatti, il fattore campo –alla fine determinante con l’Appiano- sarà dalla parte dei giallorossi che si sono guadagnati tale diritto grazie al primato in stagione regolare. Asiago – Milano è il "classico". Una sfida appassionante iniziata nella stagione 2000/01, quella caratterizzata dai rigori di Alex Galchenyuk: prima quello che consegnò la Coppa Italia (la seconda) agli stellati; poi quello nell'indimenticabile gara 4 della serie finale che spezzò il sortilegio tricolore portando Asiago sul tetto d'Italia per la prima volta nella sua storia. Negli anni a seguire furono poi i rossoblù a imporsi nella maggior parte degli incroci playoff, dando vita all'era dei Vipers (5 scudetti in fila dal 2002 al 2006, due dei quali strappati proprio all'Asiago in finale). Ora la storia è diversa. Non più Milano Vipers, bensì Milano Rossoblu, ma le emozioni sono sempre le stesse. Milano, partito decisamente a fari spenti, ha saputo, grazie all'ottimo lavoro del riconfermatissimo Pat Curcio in panchina, crescere e creare un gruppo coeso, tatticamente accorto e pronto a colpire di rimessa con la velocità e la tecnica della letale coppia gol Vallorani – Fontanive: in stagione 37 gol (9 dei quali in inferiorità numerica!) e 41 assist il primo; 21+ 45 il secondo. Loro saranno i sorvegliati speciali, certo, ma i pericoli potrebbero arrivare anche da lontano, dalle retrovie, dove Lutz, Campanale e Murray garantiscono coperture efficaci, tanti minuti sul ghiaccio e pure punti. Pesantissimi, in questo senso, i gol all'overtime nella serie dei quarti di finale contro il Valpellice arrivati dalla stecca di Campanale (in gara 1) e Murray (in gara 5). E poi ci sono l'oriundo Petrov (fondamentale negli equilibri della formazione lombarda), l'ultimo arrivato Waddell (ex compagno di DeVergilio nel Pontebba dei miracoli di Tom Pokel nella stagione 2011/12) e gli italiani di questo Milano: Caletti, Migliore, Frei (giunto da poco dal Caldaro), Terzago e Caffi, quest'ultimo una delle rivelazioni. Un portiere che spesso ha trascinato i rossoblù alla vittoria. Un Milano quadrato e difficile da affrontare, che potrà contare anche sull'enorme spinta dei propri tifosi, soprattutto all'Agorà. Una serie che, precedenti stagionali alla mano, nasce all'insegna dell'incertezza: tra campionato e coppa sei incroci, tre vittorie ciascuno, anche se quelle del Milano (nei quarti di finale della Coppa Italia) hanno avuto un peso specifico diverso. Nella storia dei playoff Asiago e Milano (con l'altra denominazione) si sono affrontati 4 volte in precedenza: bilancio di 3-1 per i lombardi, con due successi su due nelle serie al meglio delle 7 partite (entrambe finali per il titolo, nel 2002/2003 con Laporte e l’anno successivo con Bordelau); nel 2001, infatti, la serie di finale ancora si giocava al meglio delle 5 partite (3-1 per Asiago).

ASSENTI

Nel Milano sono indisponibili gli infortunati Gron e Latin. Leone sarà sacrificato al turnover. Nell’Asiago out DeVergilio (ancora 3 turni di squalifica da scontare, rientrerà per gara 4) e Magnabosco, infortunatosi al ginocchio destro in gara 6 della serie dei quarti di finale con l'Appiano.

Playoff – Gara 1 – Semifinale (best of seven)

Asiago Hockey 1935 – Hockey Milano Rossoblu

Stadio Odegar – Asiago – ore 20:30

Arbitri: Alex Lazzeri e Andrea Moschen. Giudici di linea: Patrick Gruber e Claus Unterweger.

Hc Val Pusteria Lupi – Rittner Buam

Stadio Lungo Rienza – Brunico – ore 20:30

Arbitri: Daniel Gamper e Gregory Loreggia. Giudici di linea: Marco Mori e Ulrich Pardatscher.

Calendario semifinali

Gara 1 – 10 Marzo ad Asiago e Brunico

Gara 2 – 12 Marzo a Milano e Collalbo

Gara 3 – 14 Marzo ad Asiago e Brunico

Gara 4 – 17 Marzo a Milano e Collalbo

Eventuale Gara 5 – 19 Marzo ad Asiago e Brunico

Eventuale Gara 6 – 21 Marzo a Milano e Collalbo

Eventuale Gara 7 – 24 Marzo ad Asiago e Brunico

Come seguire le partite: “Tutto l’hockey minuto per minuto”, per l’Altopiano di Asiago su Radio Asiago (107,7 mhz e in streaming dal sito www.radioasiago.it)

Premio Marostica Città di Fiabe

27° Premio Nazionale di letteratura per l'infanzia Arpalice Cuman Pertile

La cerimonia di premiazione è fissata per il 14 novembre 2015.

PRENOTA IL TUO HOTEL A VICENZA

Cerca nel sito

Traduttore automatico

itzh-TWfrhiptrues