La sopressa e i salumi vicentiniIn un pratico volume sono state raccolte numerose ricette che coniugano tradizione ed innovazione culinaria.
La sopressa, uno dei più gustosi salumi vicentini, è considerata patrimonio del Veneto e della nostra provincia.
La pubblicazione è l'ultima nata della collana di ricettari "I Calieri": la collana, legata ai prodotti tipici del nostro territorio, realizzata dalla casa editrice Terra Ferma, in collaborazione con Vicenza Qualità, rappresenta per l’appassionato del buon cibo e delle tradizioni culinarie, un’importante collezione enogastronomica.
Il volumetto raccoglie svariate ricette in un curioso accostamento del salume berico con nuovi ingredienti e i migliori vini doc della provincia vicentina, senza dimenticare tante curiosità storico-culturali.

Ma cos'è la nostra sopressa?

L’insaccato vicentino è famoso non solo per l'inconfondibile sapore dolce e leggermente pepato ma anche per la sua stagionatura che può arrivare fino ai due anni.
Essa viene infatti preparata con carni suine pregiate - comprendenti spalla, prosciutto, capocollo – con particolare attenzione alla temperatura e al grado di umidità, fattori molto importanti per la stagionatura del salume stesso.
La tradizione vuole che il maiale debba essere alimentato con castagne e patate che contribuiscono a rendere ancor più buona la sopressa.
Già nel 1862 i cosidetti "mercuriali", gli antichi listini dei prezzi emanati dalla Camera di Commercio di Vicenza, annotavano tra le proprie voci "Salame e soppressa" a differenza di altre provincie che non conoscevano la distinzione tra i due salumi.
Inoltre, sono diverse le tracce bibliografiche che attestano l’esistenza di una florida produzione salumiera nella città di Vicenza e nelle aziende agricole della provincia berica.

PRENOTA IL TUO HOTEL A VICENZA

Cerca nel sito

Traduttore automatico

itzh-TWfrhiptrues