Approfondimenti - editoria

2002: Anno internazionale delle montagne

2002: Anno internazionale delle montagne
2002: Anno internazionale delle montagne
2002: Anno internazionale delle montagne

Presentata giovedì 22 novembre, in Camera di Commercio dal Presidente Danilo Longhi e dalla Prof.ssa Nadia Qualarsa, Presidente della Commissione turismo della Regione Veneto, la nuova guida vacanze "Le montagne del Veneto" realizzata dal Touring Club Italiano e Promoveneto.
La stampa di questa agile ed efficace guida anticipa in qualche modo le iniziative previste anche dalla Regione Veneto per il 2002 "Anno Internazionale delle Montagne".
La Guida conduce il lettore alla scoperta delle località  più suggestive delle montagne veronesi, vicentine e bellunesi ed è completa di dettagliate cartine ed indicazioni su alberghi, campeggi e ostelli senza trascurare le opportunità  dei percorsi in mountain bike, della gastronomia, della cultura, delle attività  sportive.

L'ANNO INTERNAZIONALE DELLE MONTAGNE
La Conferenza internazionale "Mountain research - Challenges for the 21st century" del 1996 a Bishek, in Kirghizistan, ha suggerito lo sviluppo sostenibile delle montagne come tema di un anno internazionale con i seguenti obiettivi:


Assicurare l'attuale e futuro benessere delle comunità  montane attraverso la promozione della conservazione e dello sviluppo sostenibile delle aree di montagna.


Accrescere l'opera di sensibilizzazione e la conoscenza degli ecosistemi montani, della loro dinamica e funzionamento, e della loro importanza fondamentale come fonte di beni e servizi, in particolare approvvigionamenti idrici e sicurezza alimentare, essenziali per il benessere degli abitanti della campagna e della città, della montagna e della pianura.


Promuovere e diffondere il patrimonio culturale delle comunità  e delle società  montane


Seguire con attenzione i frequenti conflitti nelle zone di montagna e favorire le iniziative di pace in quelle regioni.
Per ulteriori approfondimenti sull'argomento Vi segnaliamo il sito ufficiale del Comitato Italiano 2002 Anno Internazionale delle Montagne: www.montagna.org.

Parchi culturali

Parchi culturaliVedere il paesaggio attraverso gli occhi dei protagonisti di romanzi, poesie, note o appunti di viaggio di intellettuali.
Questa, in estrema sintesi, la proposta della guida "Parchi culturali nel Vicentino" che offre l'occasione per riflettere su un territorio che più volte è stato sfondo naturale di creazioni letterarie, dal medioevo sino ai nostri prolificissimi giorni.
è il paesaggio il vero protagonista di questo libretto di un'ottantina di pagine, che non hanno la presunzione di essere esaustive, ma si propongono piuttosto come stimolo alla lettura e rilettura, nonché come suggestione per rivisitare luoghi e spazi, con la speranza di giungere al lettore - e al visitatore - di sprone alla ricerca.
Schematica, didascalica e didattica, arricchita di abbondanti citazioni, la guide è articolata in tre sezioni che possono riservare qualche sorpresa al grande pubblico.
Infatti, mentre le pagine dedicate ad itinerari effettuati seguendo le orme di illustri viaggiatori ricalcano modelli noti, con la singolare novità della comparazione generazionale tra Wolfgang e August Goethe, quelle riservate alla letteratura tra Otto e Novecento riportano all'attenzione anche autori meno frequentati come lo Zanella.
Ma è soltanto nella prima sezione, quella dedicata alle grandi storie d'amore, che i più troveranno diversi motivi d'interesse.
L'avventura amorosa di Sordello e Cunizza da Romano nella guida viene presentata, più che ammiccando alla cronaca rosa, cercando di restituire al lettore il clima della corte ezzeliniana sgombrata dagli stereotipi.
Oppure la delicatissima vicenda di Luigi da Porto, che pone la vicenda amorosa di Giulietta e Romeo come esempio di una travagliata transizione tra l'epopea cavalleresca e il nuovo mondo, con l'interessante parallelo fissato nel paesaggio che si gode dai castelli di Montecchio.

Lo sguardo ora si volge alla pianura, ora viene preso dai monti, in una evidente citazione da Piovene, secondo il quale il Vicentino è terra troppo prossima al mare per non sentire la brezza d'oriente, ma così prossima alla montagna da ben conoscere i venti gelidi del nord.
Oppure con la terza grande storia d'amore che vide il Vicentino essere protagonista, quella vicenda già ben scavata dal Povolo, che per primo stabilì il forte nesso tra i Promessi Sposi di manzoniana memorie e le vicende di Paolo Orgiano nel Basso Vicentino.
Tre prototipi, dunque, destinati per vie traverse a diventare modello per vicende poi universalmente esportate, ma nati nel Vicentino, anche in ciò specchio della sua vocazione, terra di passaggio, di scontro, se vogliamo, tra mentalità diverse, in un ambiente e in rapporti tutt'altro che semplici da decifrare.
Forse non è un caso se questa terra ha affascinato autori complessi, dalla forte personalità quali Goethe, Nietsche, Camus, Sand, Hemingway, ovvero è stata la casa natale di scrittori, poeti e giornalisti, che hanno segnato l'intero Novecento italiano, da Fogazzaro a Piovene, da Parise a Meneghello, a Stern, per giungere a Bandini, Scapin, fino a Gian Antonio Stella.
Un'ottantina di pagine snelle, agili, veloci, non potevano certo aspirare ad un censimento completo degli autori vicentini, tenendo conto anche della necessità di abbinare agli autori itinerari in grado di coprire l'intero territorio, aprendo anche percorsi in aree spesso tralasciate dalle guide, ma non per ciò meno interessanti, come nel caso della zona di Chiampo.

Chiude la guida un passaggio dedicato all'enogastronomia e a quei sapori che, da Piovene a Scapin, passano dalla tavola alle pagine dei libri.
Edita dal Touring Club Italiano in collaborazione con il Consorzio Vicenza è, coordinata da Cristina Baietta e scritta da Antonio Franzina, la guida ai "Parchi Culturali nel Vicentino" apre l'occasione per scoprire il Vicentino fuori dagli schemi tradizionali del turismo: un Vicentino da visitare innanzitutto nel silenzio della lettura e poi nel silenzio della visione, magari per intravedere, in scorci tutt'altro che scontati, personaggi, figure ma anche rime e sensazioni.
Insomma, un essere turisti vuoi nella memoria - ed allora la guida diventa una scusa per una personalissima e proustiana ricerca, giocata tra sapori e autori dimenticati, (e valga a fianco dello Zanella, anche il Fusinato al pari di altri) - vuoi in quei "non luoghi" abitati dalle creazioni letterarie di cui il Vicentino, tra mito e realtà, è punteggiato.

Appuntamenti a Vicenza

Appuntamenti a Vicenza"Appuntamenti a Vicenza" è l'ultima fatica editoriale che il Touring club, d'intesa con Vicenza è e Vip, ha dedicato al nostro territorio, con il sottotitolo "buona tavola, arte, artigianato e tradizioni: i sapori della città e della sua provincia".

Curata da Francesco Soletti, è una pubblicazione di 60 pagine corredata da molte fotografie che presenta dapprima il vicentino come terra d'arte e mestieri, con l'oro a Bassano, Trissino e nel capoluogo, con la ceramica a Nove e Bassano, con la pietra nei Berici e con tanti altri artigiani da visitare.
Vengono poi presentate l'arte della buona tavola con i piatti e i prodotti tipici e le opportunità culturali in città, nei Berici e nel basso vicentino per finire poi a Bassano.


"Appuntamenti a Vicenza" riporta inoltre notizie utilli sull'artigianato artistico e sull'enogastronomia, un calendario di ben 284 appuntamenti con sagre, fiere, rassegne, mostre organizzate in tutta la provincia.
Andando a passeggio tra le armonie palladiane il turista potrà muovesi in cerca di orefici, antiquari, ceramisti e scalpellini, senza dimenticare le prelibatezze della cucina vicentina; laboratori, aziende agricole, botteghe, artisti e distillerie lo accompagneranno durante una escursione tra le varie strade dei vini doc o ad una degustazione del formaggio Asiago.
Ma il vicentino non è soltanto terra da gustare: è, fra l'altro, anche uno sguardo alla Rotonda e le atmosfere di Bassano del Grappa, da godere in alcuni dei tanti itinerari possibili.

La pubblicazione sarà a disposizione dei turisti a partire dai prossimi giorni negli uffici di informazione turistica della provincia ad Asiago, Bassano del Grappa, Recoaro, Tonezza e Vicenza città.

Guida all'artigianato veneto

Guida all'artigianato venetoL'artigianato è un'attività che vanta un'antichissima tradizione nel Veneto, terra fortunata per posizione geografica e vicende storiche, grazie soprattutto alla prosperità raggiunta durante il dominio della Repubblica di Venezia.
Ma l'artigianato rimane per il Veneto una delle principali fonti di lavoro e di ricchezza ancor oggi, sostenuto com'è dall'abilità dei maestri artigiani e da una pluralità di proposte promozionali, come le manifestazioni e le mostre che si susseguono senza sosta durante tutto l'anno.
Per dare al turista attento e curioso una guida semplice e particolareggiata delle "strade dell'artigianato" nella nostra Regione, il consorzio delle Camere di Commercio PromoVeneto in collaborazione con il Touring Club Italiano, ha edito la "Guida all'Artigianato Veneto".

La "Guida all'Artigianato Veneto" è un ideale viaggio sulle strade dell'arte della nostra Regione, attraverso una realtà produttiva che ha saputo rinnovarsi e tenersi al passo con i tempi, facendo mostra di sé dai mercatini a Internet, e che poggia le proprie basi sull'antiquariato d'autore, ma soprattutto sulla creatività dei maestri artigiani e sull'abilità dei restauratori, nell'edilizia come nell'arredo.
Il volume contiene carte dettagliate delle quattro province di Vicenza, Verona, Padova e Belluno, quattordici itinerari di visita alla ricerca dei prodotti di qualità, il calendario delle mostre, dei mercati e delle fiere, i riferimenti dei musei etnografici e dell'artigianato e tutti gli indirizzi per uno "shopping d'autore ".

D'altra parte la nostra Regione ha moltissimo da offrire: dall'oreficeria di cui è protagonista Vicenza, al vetro in cui primeggia Venezia, ai mobili in stile e alle opere in ferro battuto in cui primeggia Belluno, fino ai capolavori di decorazione, incisione e restauro della provincia di Padova e ai mobili d'arte e le opere in marmo in cui eccelle Verona. Un'opera utile e particolare, quindi, che ci stimola ad andare a scoprire luoghi il più delle volte nascosti o sconosciuti, dove poter ammirare i sistemi lavorativi di un'arte antica e genuina e dove incontrare i maestri artigiani che negli anni a venire potremmo non incontrare più.

Guida all'enogastronomia veneta

Guida all'enogastronomia venetaQuanti di noi di fronte ad un week-end in libertà vorrebbero sottomano un vademecum agile, ben fatto, chiaro ed esaustivo, dove trovare di tutto e anche qualcosa di più sulla sulla nostra bellissima regione?
Eccovi servito quel che fa per voi: Guida all'enogastronomia veneta, ricco manuale pronto all'uso, frutto della collaborazione tra Touring Club Italiano e PromoVeneto, il consorzio di promozione turistica delle Camere di Commercio di Belluno, Padova, Verona e Vicenza.

Tiratura di 10.000 copie e distribuzione nelle librerie attraverso i canali tipici delle pubblicazioni del Touring Club, questa guida si propone di accompagnare il turista e il cittadino nel cuore delle quattro province venete, fornendo notizie utili per una visita e un soggiorno completi.

Ampio spazio infatti è dedicato al settore ristorazione, con sezioni dedicate anche ai prodotti tipici di ciascun territorio, nonché a ricette locali e vini DOC e DOCG descritti in pratiche schede; l'indispensabile calendario gastronomico accompagna alberghi e ristoranti di qualità ma anche semplici trattorie e aziende turistiche.
Sappiamo però che una guida deve offire quel quid che la rende diversa dalle altre ed infatti a corredo di questa troviamo carte dettagliate delle quattro province Belluno, Padova, Verona e Vicenza, una carta tematica delle ville palladiane e a chiusura 13 "Strade dei sapori" per un fine settimana senza dubbio diverso.

Guida allo shopping e al tempo libero nel vicentino

Guida allo shopping e al tempo libero nel vicentinoSi tratta di una idea che Vicenza è e VIP coltivavano da tempo, quella di realizzare una guida che consenta la visita a numerosi spacci aziendali sparsi in tutta la provincia dove sia possibile trovare soprattutto articoli di abbigliamento ma anche altri prodotti, a prezzi veramente competitivi.

Sono oltre 40.000 le imprese produttive vicentine, artigianali ed industriali e molte di queste dispongono di uno spaccio, per cui, per tutto il periodo dell'anno o solo per una parte di esso, vendono i loro prodotti.
Sono numerose altresì le aziende agricole ed agroalimentari che sono in grado di offrire la loro produzione dai sapori inconfondibili e anche queste rappresentano un'ulteriore opportunità per il viaggiatore, come le botteghe dei maestri artigiani.
Questa guida infatti vuole rivolgersi al viaggiatore, più che al turista, e la Provincia di Vicenza può contare ogni anno su un numero elevato di turisti d'affari.
Gli itinerari di quest'opera permettono infatti di impiegare picevolmente qualche ora libera dagli impegni di lavoro, facendo acquisti originali e diversi.

Essendo questa guida proprio rivolta al viaggiatore non poteva mancare un elenco di tutto quello che la persona, anche sola, può farela sera: la proposta riguarda le strutture in cui è possibile praticare sport, quali tennis, nuoto, ginnastica, dove si può giocare a bowling, le multisale cinematografiche, alcuni ristoranti etnici, dato che i tradizionali e tipici sono già ampiamente pubblicizzati, ed altri locali dove trascorrere le ultime ore della serata.
Si coglie anche l'occasione per indicare alcuni centri acquisti considerati veramente interessanti e che vedono già la presenza di numerosi clienti. Questa è quindi una guida allo shopping e anche un ausilio per passare le serate in maniera diversa.

Tutte le attività di turismo attivo e sportivo

Tutte le attività di turismo attivo e sportivoLa nuova guida, nata dalla collaborazione fra promoveneto e il TCI, dedicata al turismo sportivo è in vendita presso il consorzio Vicenza è (tel. 0444 994770).

E' certamente interessante considerare le attività sportive anche nell'ottica del turismo. Lo sport può essere praticato, ma anche essere visto, quindi è possibile trovarsi di fronte al turista sportivo o al turista tifoso.
Giunge pertanto a proposito la realizzazione di una guida come questa, nella quale è possibile cercare e trovare non solo gli spazi per praticare varie attività sportive, ma anche un calendario di molte manifestazioni notevoli di una visita da spettatori.
La guida indica inoltre i luoghi in cui le squadre più o meno professioniste e i campioni organizzano i loro ritiri e i loro allenamenti.

Il turismo attivo e sportivo rappresenta, insomma, una nuova opportunità che, come di consueto, viene colta con tempestività dal Veneto, la prima regione turistica del nostro Paese. Nella certezza di contribuire a dare informazioni nuove a chi, magari incosapevolmente, fa da molto tempo turismo attivo e sportivo, restiamo a disposizione per ricevere segnalazioni su altre opportunità non indicate per questioni di spazio, ma che riporteremo nel portale: www.promoveneto.it.

PRENOTA IL TUO HOTEL A VICENZA

Cerca nel sito

Traduttore automatico

itzh-TWfrhiptrues