Vicenzae.org -  il portale turistico ufficiale di Vicenza e della sua provincia

CENTRO PRENOTAZIONI UFFICIALE

VISITE GRUPPI e SCUOLE

teatro olimpico scritta

Teatro Olimpico e Museum Card

Tel. 0444 964380

email:booking@comune.vicenza.it

PRENOTA IL TUO HOTEL A VICENZA

VICENZA è… SOCIAL

facebook twitter youtube issuu instagram

CERCA NEL SITO

TRADUTTORE AUTOMATICO

itzh-TWfrhiptrues

NOTIZIE IN PRIMO PIANO

UTILITA'


APP per dispositivi mobili

APP Discover Palladio

APP DISCOVER PALLADIO

PER CONOSCERE ANDREA PALLADIO

 
APP Sapori Vicentini

APP SAPORI VICENTINI

I PRODOTTI TIPICI VICENTINI

 
APP Turismo Terra Berica

APP TURISMO TERRA BERICA

ITINERARI DA SCOPRIRE

 

VICENZA SU FACEBOOK

 
 

VICENZA SU TRIP ADVISOR

 

 banner.marostica


Secondo la leggenda, nel 1454 Rinaldo da Angarano e Vieri da Vallonara giocarono a Marostica una partita con scacchi viventi su un'enorme scacchiera appositamente dipinta nella piazza del Castello, per ottenere la mano di Lionora, la figlia del castellano Taddeo Parisio.
Dal 1954 questa fantastica sfida viene riproposta ogni due anni e costituisce una vera e propria festa cittadina, con tanto di sfoggio di tipici costumi del Quattrocento.

Oltre alla scacchiera ormai famosissima, e' meraviglioso tutto il complesso medievale, uno dei piu' importanti del Veneto. Del Castello Superiore, posto sul colle adiacenti la cittadina, partono le due muraglie fortificate; queste abbracciando tutto il nucleo storico, si incontrano piu' in basso nel Castello Inferiore, che ha subito recentemente un restauro.
Fuori dalla cinta, oltre le tre porte, si possono visitare gli intricati sobborghi, tra cui il borgo di Giara, originario nucleo di Marostica.

STORIA DELLA PARTITA A SCACCHI
La leggenda della Partita risale al lontano 1454, quando Marostica era una delle fedelissime della Repubblica di Venezia ed il suo governo era retto da un podestà nominato direttamente dalla città di San Marco. Si narra che proprio in quell'anno due valorosi guerrieri, Rinaldo da Angarano e Vieri da Vallonara, si innamorarono perdutamente della bella Lionora, figlia del Castellano di Marostica Taddeo Parisio, e per la sua mano si sfidarono a duello, come era costume quei tempi. Taddeo Parisio, che non voleva perdere nessuno dei due valenti giovani, evito' il cruento scontro rifacendosi ad un editto di Cangrande della Scala di Verona, emanato poco dopo la tragica vicenda di Giulietta e Romeo, e confermato ed aggravato dal Serenissimo Doge.
Decise quindi che Lionora sarebbe andata sposa a quello tra i due rivali che avesse vinto la partita al nobil gioco degli scacchi; lo sconfitto sarebbe divenuto ugualmente suo parente, sposando Orlanda, sua sorella minore, ancora giovane e bella. L'incontro si sarebbe svolto in un giorno di festa nella piazza del Castello da basso, con pezzi grandi e vivi, armati e segnati dalle insegne di bianco e di nero, secondo le antichissime regole imposte dalla nobile arte, alla presenza del Castellano, della sua affascinante figlia, dei Signori di Angarano e di Vallonora, dei nobili delle città vicine e di tutto il popolo. Decise anche che la sfida sarebbe stata onorata da una mostra in campo di uomini d'arme, fanti e cavalieri, fuochi e luminarie, ballerine e cavalieri, suoni e danze.
E così avvenne.
Sfilarono arceri e alabardieri, fanti schiavoni e cavalieri, il Castellano e la sua corte con Lionora e Orlanda, la fedele nutrice, dame, gentiluomini, l'araldo, il comandante degli armati, falconieri, paggi e damigelle, vessilliferi, musici, massere e borghigiani, e poi ancora i meravigliosi pezzi bianchi e neri con re e regine, torri e cavalieri, alfieri e pedoni. Rinaldo da Angarano e Vieri da Vallarona ordinarono le mosse ed al termine della disfida un tripudio di fuochi, luci e grida festose salutarono il vincitore.
Lionora, trepidante perchè¨ segretamente innamorata di uno dei due, aveva con discrezione fatto sapere al contado che il Castello da basso sarebbe stato illuminato di candida luce qualora la vittoria fosse stata conquistata dal cavaliere che faceva battere il suo cuore, affinche' tutti potessero partecipare alla sua gioia.

Oggi, come allora, l'emozione si rinnova, in una fastosa cornice di costumi preziosi e di gonfaloni, affascinanti dame ed intrepidi cavalieri, scherzosi zanni, giocolieri e sputafuoco, rinnovando negli animi il sapore antico di una appassionante storia d'amore.
La Partita a Scacchi a personaggi viventi viene giocata sulla Piazza di Marostica, ogni secondo venerdì, sabato e domenica di settembre degli anni pari. Per assistere alle rappresentazioni e' necessario il possesso di un biglietto numerato, reperibile presso la Pro Marostica. I preziosi costumi dello spettacolo possono essere ammirati in ogni momento dell'anno presso la mostra permanente allestita al Castello inferiore. www.marosticascacchi.it


COSA VEDERE A  MAROSTICA

BANNER.CASTELLO.INFERIORE

 

IL CASTELLO INFERIORE

Con la conquista scaligera di Vicenza ad opera di Cangrande Della Scala (aprile 1311) il territorio vicentino viene sottratto alla «custodia» padovana.Inizia così il periodo della dominazione scaligera (1311-1387).
Con Cangrande viene avviato il processo di ridefinizione urbanistica di Marostica con lo spostamento del cuore della città dall'antico Borgo, romano e medioevale, all'attuale centro intramurario. Agli anni 1312 e successivi risale, infatti, la costruzione del Castello Inferiore, detto anche Castello Da Basso, e del Castello Superiore. Il Castello Inferiore, tutto merlato, ha pianta rettangolare ed è un tipico castello-recinto costruito a ridosso di un imponente Mastio. Costituisce un pregevole esempio di architettura militare. Dopo la guerra della Lega di Cambrai (1509-1510) il podestà trasferì la sua sede dal Castello Superiore, gravemente danneggiato, al Castello Inferiore.

LA CHIESA DI SANT’ANTONIO ABATE

Sant'Antonio Abate viene invocato a protezione degli animali, con tale finalità venne intitolata questa chiesetta di fondazione tardomedievale (compare nei documenti dal 1383). Sorge probabilmente sul luogo di un preesistente castello di epoca ezzeliniana, come lascia supporre una torre, costituita di pesanti blocchi di arenaria, inglobata nel campanile. Tre le opere d'arte conservate all'interno della chiesa ricordiamo la Predica di San Paolo ad Atene di Jacopo e Francesco Bassano. Accanto alla chiesa, ricostruita nel secolo XVIII e consacrata nel 1838, i resti dell'antico chiostro del convento dei Minori Osservanti, presenti fino al 1658.

LA  CHIESA SCONSACRATA DI SAN MARCO

Graziosa chiesetta sconsacrata che ospita mostre e concerti.

 IL MUSEO ORNITOLOGICO “ANGELO FABRIS” – COLLEZIONI DALLA RIVA

Oltre alle interessanti esposizioni, organizza corsi professionali di falconeria.

 

IL CASTELLO SUPERIORE

La costruzione del castello risale al tempo di Cangrande della Scala e dei suoi eredi, Mastino e Cansignorio (1311-1387). All’interno, il basamento e le murature rimaste consentono di visualizzare la piazza d’armi e il recinto fortificato, rimandando ad imminenti restauri la valorizzazione della torre, mozzata e ostruita dal terreno di riporto, e di altre strutture di cui si ha evidenza storica, come una chiesetta e un mulino. La visita del Castello Superiore, oltre che per la suggestione d’ambiente, offre una visuale amplissima da Bassano del Grappa, con la valle del Brenta, fino a Vicenza, sullo sfondo dei Colli Berici grazie al dislivello di oltre 150 metri sulla pianura. 



LA VIA DELLA CERAMICA
Tutta la zona a sud di Bassano del Grappa (da Nove fino a Cassola) e' da secoli rinomata per la lavorazione della ceramica. In queste terre infatti si trovano in abbondanza le due materie prime per la produzione di ceramica d'arte: l'argilla plastica e, per i colori, la sabbia silicea. Proprio qui nacque la fama di Antonibon, nel Settecento importanti produttori di piatti e vasellame, che poi si espanse in tutta Europa; nel Museo di Nove sono conservate molte delle opere della loro antica bottega.
IL CAPPELLO DI PAGLIA
Tra le vecchie attivita' produttive che fino alla prima metà del '900 hanno influito in modo non indifferente nelle tradizioni e nella storia economica e sociale della provincia di Vicenza, la lavorazione della paglia ha occupato una posizione di assoluto rilievo. Il centro della lavorazione e' stato senza dubbio Marostica, assai conosciuta fin dalla prima metà del XIX secolo in Italia e all'estero per l'abbondante e particolare produzione di trecce, borse e, soprattutto, cappelli di paglia.
Proprio il nome di tale tradizione economica si e' costituita a Marostica l'associazione "Il cappello di paglia di Marostica", la quale ha curato l'esposizione "Storia della lavorazione dei cappelli di paglia a Marostica", inaugurata nel giugno del 2001 nelle sale del Castello Inferiore, ospite d'onore Ruy Pauletti, Rettore dell'Universita' Caxias do Sul dello Stato di Rio Grande, in Brasile. Questa presenza e' stata motivata dal fatto che gli emigranti marosticensi alla fine dell'ottocento portarono proprio nella regione del Rio Grande do Sul l'arte della lavorazione della paglia, fondando anche in quel lontano paese numerose fabbriche di cappelli.
UN PATRIMONIO DA SALVARE E VALORIZZARE
Fu nel secolo XIV che Marostica assunse l'aspetto di citta' fortificata medievale, ad opera degli Scaligeri, signori di Verona, i quali sostituirono il precedente incasellamento, basato su fortificazioni poste sulle cime dei colli, succedutosi dall'eta' romana ad Ezzelino. Tale progetto doveva trasformare Marostica in un caposaldo militare che favorisse il controllo politico del territorio.

Dobbiamo a Cangrande, a Mastino e a Cansignorio della Scala l'oppidum Marosticae, oggetto ancora oggi di studi per il suo rigoroso e avveduto impianto comunitario. Due sono i castelli, uno in pianura e uno sulla sommità del Pausolino, uniti da una poderosa cinta che avvolge il colle e il piano sottostante. All'interno delle mura si trovano gli elementi tipici della citta' fortificata: il "campo grande", per gli incontri, le feste e i tornei; il castello-recinto, centro commerciale e casello daziario; le botteghe delle arti e dei mestieri, un tratto della roggia marosticana per garantire l'approvvigionamento idrico; i quartieri per le coltivazioni; gli edifici abitativi, le stalle, i ricoveri per gli abitanti del contado in caso di pericolo.
Il Caste'o da basso ha due ingressi e quattro torricelle scudate più il mastio di Cangrande, una torre alta 44 m. Sembra influenzato dal modello del palazzo comunale lombardo.
Il Caste'o de sora, semidistrutto dalle batterie veneziane, ai tempi della lega di Cambrai (1510), e', oggi, ridotto allo stato di rudere. ha quattro porte e venti rivellini (torri difensive aperte all'interno).

  INFORMAZIONI e ACCOGLIENZA TURISTICA

 Associazione Pro Marostica
Piazza degli Scacchi, c/o Castello Inferiore

Tel. +39 0424 72127 / 470995 - Fax +39 0424 72800
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.marosticascacchi.it

 

 

I NOSTRI PARTNER